Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBeneventoBolognaCagliariCrotoneFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali
live

Dal Pino rieletto presidente di Lega Serie A: "Mi prendo 15 giorni per valutare"

LIVE TMW - Dal Pino rieletto presidente di Lega Serie A: "Mi prendo 15 giorni per valutare"TUTTOmercatoWEB.com
giovedì 21 gennaio 2021 19:17Serie A
di Ivan Cardia

Fresco di rielezione come presidente di Lega Serie A, Paolo Dal Pino commenta il risultato della concitata assemblea in conferenza stampa, al termine della quale farà le sue valutazioni sulla possibilità di accettare o meno la carica: "Dopo la prima votazione, le squadre hanno chiesto tempo ulteriore per trovare equilibrio e io ho detto che non mi sarei più candidato a una successiva elezione. Ci sono state diverse ore di valutazione che hanno portato a una seconda elezione, io volevo fare direttamente l'amministratore delegato e 18 società hanno deciso di votare il presidente. Io ho detto che non mi candidavo, nonostante questo sono uscite 16 schede col mio voto e quattro bianche e sono stato rieletto. Ho detto che ho quindici giorni per accettare la carica e, visto che non mi ero neanche candidato, mi prendo il tempo necessario per poter valutare se ci sono le condizioni per lavorare sul tema dell'armonia tra i club. Sono contento di come si sia poi svolta l'assemblea, posso dire con soddisfazione che questo tormentassimo processo iniziale che ha portato a togliere la mia candidatura ha poi portato all'elezione di De Siervo, all'elezione dei consiglieri di lega di squadra e abbiamo rinviato l'elezione del consigliere indipendente, che mi auspico sia una grande figura dello sport, che possa rappresentare ad alti livelli la parte sportiva sul mercato. Abbiamo rinviato l'elezione del collegio dei revisori, poi abbiamo provveduto all'indicazione dei membri della media company, dove con un consenso molto ampio sono stati eletti, come da richiesta mia, tutti coloro che fanno parte del comitato per i fondi, quindi Agnelli (Juventus), Fienga (Roma), Campoccia (Udinese), Fenucci (Bologna) e De Laurentiis (Napoli). Fenucci, come parte del quadro critico della mattina dove le , ha rinunciato alla sua candidatura come consigliere federale. Ne avevamo tre, lui con Lotito e Marotta: ha rinunciato e restano due candidati votati oggi. Sono due soltanto che possono entrare e l'elezione era quindi semplice. Per la media company sono stati nominati cinque della commissione, il sesto dovrà essere eletto perché sono arrivati alla pari i rappresentanti della Sampdoria, Vidal, e quello del Sassuolo, Carnevali".

Teme che questo possa influire sul cammino per l'ingresso dei fondi in Serie A, con uno slittamento?
"Io non credo proprio, penso che il senso di responsabilità debba caratterizzare tutti quanti. Può esserci del masochismo, ma non arriverei a quel punto. La riunione sui fondi pensavo di farla il 25 ma non l'ho convocata perché non sapevo quando avremmo potuto distribuire alle società il term sheet: lo stiamo mandando stanotte. Probabilmente la riunione per approvarlo, anche se non si può cambiare ma è giusto che tutti valutino, la faremo il 27".

I consiglieri di Lega sono un'espressione di una certa ala della Serie A. Questo può influire sulla governance interna, cambiare i pesi e i poteri, condizionare? La giornata di oggi sembrava più semplice rispetto ad altre occasioni di elezione.
"Dovete pensare che sul tema fondi non è importante il CdA, perché è una decisione dell'assemblea: chi ha votato a favore a suo tempo non c'è motivo per cui voti contro ora. Non è il CdA a decidere, è una tematica d'assemblea. Non vedo un cambiamento d'espressione rispetto al passato, non lo percepisco. Però, ripeto, il Consiglio non incide sui fondi".

Si è preso dei giorni per valutare, ma sarebbe clamoroso se non accettasse.
"Non penso. Io non ero candidato in questa seconda elezione, sinceramente prendo un impegno nel momento in cui vedo una progettualità. L'ho sempre detto: di incarichi in quanto tali non m'interessa. Ho apprezzato di avere la maggioranza di 14 votanti, per il resto ci ragiono".

Oggi c'è stato un comunicato duro della FIFA e delle sei confermazioni sulla Superlega. Qual è la sua posizione?
"Sapete quello che ho sempre detto, lo continuo a ripetere. Per noi non esiste, riteniamo che ci siano già competizioni come la Champions o l'Europa League: magari possono essere modificate, non immaginiamo e siamo totalmente contrari all'ipotesi di una Superlega".

Su cosa verteranno le sue riflessioni in questi giorni. Qualcuno ha portato via dei voti per una poltrona altrove?
"Io vi ho raccontato come è andata. Ho forzato un'elezione che oggi non ci sarebbe stata, perché trovo giusta la concertazione politica, tra club, per avere una rappresentatività che rispecchi i pesi all'interno del gruppo. Ma ho dato una cosa importante: le nomine vanno fatte in assemblea e in base alle competenze. Poi è normale avere accordi tra squadre, perché è normale che ragionino insieme su chi può aiutare di più in un determinato ruolo. In un contesto come questo, in cui ci sono varie complessità, ci possono essere anche posizioni strumentali. La mia forzatura, sapendo che avrei generato una prima votazione che era un nulla di fatto, è stata fatta proprio per sgombrare il campo da tatticismi politici e da giochi che non avrebbero fatto bene alla Lega. Poi gli schieramenti possono cambiare da un giorno all'altro".

Il presidente della media company sarà il presidente di Lega?
"Non ne abbiamo ancora parlato, è uno dei temi però non c'è una previsione obbligatoria in questi termini. Oggi non l'abbiamo messa all'ordine del giorno, perché nella governance questa figura e l'amministratore delegato dovranno avere il gradimento della controparte: sarebbe un errore fare cose diverse, in funzione delle skills si decide come integrarle".

Interviene l'AD, Luigi De Siervo.
"Vorrei dire che quella forzatura è stata necessaria: qualcuno aveva frainteso di poter negoziare col management attuale qualche posizione. Ha messo tutti di fronte alle proprie responsabilità e coi piedi per terra, sul come la gestione che stiamo portando avanti negli ultimi mesi non avesse altro possibile punto di uscita delle scelte fatte e di chi le ha portate avanti".

Domanda per De Siervo: quanto la spaventa lo scenario che il presidente possa mollare?
"Forse dire spaventare è sbagliato, mi auguro che Paolo possa trovare le motivazioni. Il punto centrale è che sarebbe un punto di arresto significativo per la Serie A perdere il proprio presidente, appena rieletto, in un momento tanto delicato. Stiamo affrontando un periodo di scelte rilevanti e che condizioneranno l'attività di Lega Serie A per i prossimi decenni: tutto è molto esasperato, ma fa parte della situazione".

Risponde anche Dal Pino.
"La vita è fatta di scelte, a me delle cariche non mi frega niente. Mi confronto con i progetti e le visioni di futuro, l'ho fatto quando sono entrato in lega dicendo di trasformarla in media company. Siamo sulla strada per arrivarci, però le motivazioni le trovi se capisci che stai dedicando tempo a una cosa su cui c'è una visione comune. Altrimenti, sono felicissimo che la Lega trovi un altro presidente"
Si conclude qui la conferenza stampa di Dal Pino.

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2021 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000