Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBeneventoBolognaCagliariCrotoneFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali
live

Milan, Pioli: "Critiche a Romagnoli? Non mi piace questa caccia al colpevole"

LIVE TMW - Milan, Pioli: "Critiche a Romagnoli? Non mi piace questa caccia al colpevole"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
mercoledì 24 febbraio 2021 15:00Serie A
di Ivan Cardia

Il Milan riparte dal pareggio di Belgrado. I rossoneri torneranno in campo domani sera a San Siro, dopo il 2-2 arrivato in extremis al Marakana nella gara di andata dei sedicesimi di finale di Europa League contro la Stella Rossa. E soprattutto dopo il KO nel derby rimediato in campionato. Ne parla in conferenza stampa Stefano Pioli.

14.40 - Dopo Leao, ecco le domande per Pioli: il Milan dell'Europa League viene da lontano, è la dimostrazione che questa squadra può avere delle difficoltà, ma poi le supera.
"È stato un percorso difficile e complicato, ma quando si alza il livello è normale e siamo riusciti a superare delle difficoltà. Ora abbiamo l'ostacolo di domani, abbiamo un piccolo vantaggio, che non ci permette di gestire la gara in altro modo. Dovremo avere tanta qualità per poter passare questo turno".

Leao ha detto parole importanti, che il Milan vuole ripartire dopo due brutte partite. È questo il senso di reazione?
"Sì, le sue parole denotano consapevolezza e maturità. È quello che ci sta permettendo di avere questo percorso, domenica era giusto non ci fossero sorrisi. Ma vogliamo ripartire dalle nostre convinzioni, dimostrare che può fare un ottimo calcio e fare risultati convincenti".

Che spiegazione si è dato a questo momento negativo?
"Sicuramente con lo staff, ma anche con la squadra, abbiamo analizzato bene l'ultima prestazione. Siamo riusciti solo a fine primo tempo e a inizio tempo a giocare bene; soprattutto a livello di ritmo, abbiamo faticato a mantenerlo alto. Si può cadere: non è un fallimento cadere in queste partite, ma lo sarebbe stare fermi nei punti di caduta. Dobbiamo ripartire con ritmo e continuità, a partire dalla gara di domani".

Che idea si è fatto sulle difficoltà in difesa?
"Credo sia sbagliato dividere la squadra in reparti. Noi cerchiamo di attaccare in modo attivo con tutti i giocatori e dobbiamo difendere nello stesso modo. Se abbiamo subito qualche gol in più è perché non abbiamo lavorato bene a livello di compattezza e intensità ma vogliamo tornare a farlo".

Come mai Tonali non è ancora riuscito a esprimersi per quelle che sono le sue grandi qualità?
"Io credo che quando la prestazione collettiva della squadra non è all'altezza, anche i singoli possono esserne influenzati. Credo che Sandro stia crescendo bene".

Come sta Bennacer?
"Non ha avuto una ricaduta, non si è rifatto male. Per fortuna non si tratta di una ricaduta, ma non ha la stessa elasticità e forza nel muscolo. Ha bisogno di lavoro individuale, credo che in settimana non lavorerà con la squadra. Kessie sta bene, vedremo che scelte fare domani".

Giocare ogni tre giorni partite così importanti toglie energie fisiche e mentali. Può diventare un problema?
"No, mi darebbe più ansia il contrario. L'obiettivo di stare in Europa l'abbiamo cercato con convinzione e determinazione. Ho le risorse per tenere alto il livello anche giocando ogni tre giorni. Per farlo dobbiamo giocare bene domani: conosciamo i nostri avversari, è una partita alla nostra portata e vogliamo andare avanti nella coppa".

Il calcio italiano si preoccupa di Ibra a Sanremo. Come prende Ibra tutta questa attenzione su questo fatto?
"Ci parlo tutti i giorni con Zlatan. La settimana scorsa abbiamo messo in piedi il programma per la settimana prossima: salterà un paio di allenamenti, ma sarà disponibile per le partite. Se c'è un campione in grado di reggere questa pressione è lui, anzi credo che tragga più motivazione per aiutare la squadra".

Romagnoli può subire un contraccolpo psicologico dopo le polemiche post derby?
"Abbiamo sempre vinto e perso di squadra, non mi piace questo gioco brutto e sporco di individuare un colpevole in caso di sconfitta. Lui è il capitano e ha fatto tanto per far crescere questa squadra, anche aiutando i giovani. Possiamo imparare da queste sconfitte, sono state lezioni pesanti per un gruppo come il nostro, ma ci faranno crescere".

Come vede la sua squadra in questi giorni, a livello mentale? E cosa sta dicendo ai suoi ragazzi?
"Vedo un gruppo determinato, volenteroso nel tornare a giocare ai livelli a cui siamo abituati. Alla squadra ieri ho detto che era il 23 febbraio e che mancano 90 giorni alla fine del campionato: voleranno via in un attimo e saranno quelli determinanti per far sì che possa essere una stagione positiva, molto positiva, eccezionale e grandiosa. Se fossimo veramente bravi non ne mancherebbero 90, ma 93 per la finale di Europa League. Abbiamo un gruppo determinato. Non lo ripeto perché l'ho detto prima di Spezia che gruppo abbiamo, ma sicuramente non ci demoralizziamo per due risultati negativi".

Dopo un anno incredibile sembra che le avversarie del Milan abbiano imparato come fermarvi. Può cambiare qualcosa nel gioco?
”È una domanda intelligente, ma le partite sono molto diverse. Lo Spezia ci ha aggredito molto, nel derby abbiamo vissuto una partita diversa perché l'avversario ci ha fatto fare la partita, ci ha aspettato e poi è ripartito. Le partite possono cambiare, ma dobbiamo avere un modello di gioco, delle posizioni, dei principi di gioco così chiari da iniziare in un modo e portarlo fino in fondo. Poi saremo preparati a cambiare se troveremo delle difficoltà".

Si conclude qui la conferenza stampa di Stefano Pioli.

Primo piano
TMW Radio Sport
TMW News TMW News: Il nervosismo e il futuro di CR7. La lotta Champions si infiamma
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2021 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000