Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBeneventoBolognaCagliariCrotoneFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali

Mihajlovic: "Ibrahimovic a Sanremo? Se si allena e gioca bene, per me può fare quello che vuole"

Mihajlovic: "Ibrahimovic a Sanremo? Se si allena e gioca bene, per me può fare quello che vuole"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
martedì 23 febbraio 2021 00:35Serie A
di Tommaso Bonan

"Ibrahimovic ha fatto quello che doveva fare, non ha fatto gol ma si è reso comunque più pericoloso degli altri". Ospite di Tiki Taka, Sinisa Mihajlovic inizia a parlare partendo dalla prestazione dello svedese nell'ultimo derby di Milano: "Lo scudetto è già dell'Inter? Non direi che è un discorso chiuso, ma sicuramente la squadra più accreditata per vincerlo è l'Inter".

Che differenze ci sono tra il Milan di Pioli e il mio Milan? "Semplice, Ibrahimovic. Con lui nel mio Bologna, adesso saremmo in Europa League".

Ibra andrà come ospite a Sanremo. Come si sarebbe comportato Mihajlovic se fosse stato il suo allenatore: "Se Ibrahimovic fa quello che deve fare in campo e in allenamento, e non ho dubbi su questo, non vedo dove sia il problema. Ognuno è libero di fare quello che vuole. Sacchi ha detto che dovrebbe ripensarci? Non potrei mani andar contro mister Sacchi, ma penso che i tempi siano un po' cambiati da quando allenava lui. I ragazzi forse hanno meno passione, ma sono molto più professionali e professionisti di quando giocavo io, perciò non vedo un grande problema".

Perché non ha mai ricevuto la chiamata della Lazio? "Lotito mi chiamò, prima che andassi a Firenze. Perché non è andata? Non ci siamo trovati..."

Capitolo futuro. "A Bologna sto bene, anche sono una persona ambiziosa e mi sarebbe piaciuto fare qualcosa di più importante. Ma a Bologna a si può ancora fare".

Il suo rapporto di amicizia con Mancini è molto profondo. "Se faccio l'allenatore, sicuramente lo devo a Mancini. Lui è stato il mio allenatore nella Lazio e nell'Inter, quando ho smesso mi ha chiesto di fare il secondo in nerazzurro, non era facile".

In che modo l'ha cambiata la sua malattia? "Mi ha cambiato la vita, perché quando sei in ospedale per tanto tempo, pensi a tante cose che sembrano scontate ma non lo sono. Anche una semplice boccata di aria fresca. Quando lo superi, poi cerchi di goderti le cose normali, senza dare nulla per scontato".

In campionato per il Bologna ci sarà adesso la Lazio. Che consiglio dà a Inzaghi per battere il Bayern? "Sono fatti di Simone, Io vorrei sapere più che altro come si batte la Lazio (ride, ndr)".

Come finirà tra il Milan e la Stella Rossa in Europa League? "La stella rossa è la mia squadra da sempre, allenata da un mio fratellino come Stankovic. La vedo dura che possa passare il turno".

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2021 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000