Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCagliariEmpoliFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdineseVenezia
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSports

Baroni e l'avventura a Napoli con Maradona: "Quanto lo vedevo in campo mi sentivo fortunato"

Baroni e l'avventura a Napoli con Maradona: "Quanto lo vedevo in campo mi sentivo fortunato"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
giovedì 14 ottobre 2021 16:34Serie B
di Luca Bargellini

Ospite di Tele Rama il tecnico del Lecce Marco Baroni si è concesso una digressione sulla sua carriera da calciatore. L'allenatore fiorentino è stato un difensore a cavallo fra gli anni '80 e 90' con tanto di scudetto e Supercoppa Italiana vinti con il Napoli di Diego Armando Maradona. “Il mio percorso è iniziato ovviamente nella Fiorentina, la squadra della mia città con cui ho fatto anche l’esordio in prima squadra; successivamente ho avuto il piacere e la possibilità di vivere lo spogliatoio della Roma di Pruzzo e Conti, una squadra incredibile quella per un giovane come me che si stava avvicinando alla Serie A. Ieri era diverso perché le rose erano più corte ed emergere ed essere a quei livelli era veramente importante, oggi invece con le rose da 25 c’è più spazio e ci sono anche più partite e opportunità per dimostrare il proprio valore. Dalla Roma poi ci fu il mio arrivo nel Salento, quella è stata una prova di maturità per me, quella società fece un grande sacrificio per portarmi in giallorosso, ma in quelle due stagioni ebbi l’opportunità di misurarmi in un’altra dimensione che poi mi permise di approdare al Napoli di Maradona. Quando vedevo Diego in allenamento pensavo, per fortuna che gioca con me e non lo devo marcare io. Diego è stato un amico e mi piace ricordarlo forse nella veste che pochi conoscono, quella di un ragazzo che aveva tante attenzioni nei confronti di tutti i suoi compagni di squadra. Una squadra che riuscì a superare la grande Inter o il Milan degli olandesi. Quello di Napoli è un ricordo incredibile ma io amo guardare avanti progredire nel mio percorso di crescita, amo pensare sempre che o vinco o imparo, non bisogna mai pensare di uscire sconfitti, perché anche quando si perde si apprende qualcosa”.

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2021 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000