Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
live

Juventus, Kostic: "Ho fatto di tutto per venire qui. In Nazionale ho parlato con Vlahovic"

LIVE TMW - Juventus, Kostic: "Ho fatto di tutto per venire qui. In Nazionale ho parlato con Vlahovic"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
venerdì 19 agosto 2022, 17:12Serie A
di Simone Dinoi
Diretta scritta su TUTTOmercatoWEB.com. Premi F5 per aggiornare!

16:45 - Il nuovo giocatore della Juventus Filip Kostic, acquistato dall’Eintracht Francoforte, si presenta alle 17 in conferenza stampa all’Allianz Stadium.
TUTTOmercatoWEB.com vi riporta le parole dell’esterno serbo in diretta.

17:03 - Kostic prende posto nella sala stampa dell’Allianz Stadium: comincia ora la conferenza.

Cosa ti ha colpito di più in questi primi giorni alla Juve?
"Sicuramente sono molto felice di essere qui. L'altra sera sono entrato quando la Juve vinceva 3-0 e mi ha dato una bella impressione, forse è questo il momento".

Il fatto che in Serie A giochino tanti giocatori serbi ha inciso sulla tua scelta di venire alla Juve?
"No, è semplicemente un qualcosa in più. Qui c'è Dusan e per me è fantastico essere qui in generale, sono felice di giocare con tutti i miei compagni".

Qual è il modulo in cui rendi meglio?
"Non saprei, non sono io che decido. Gioco nella posizione che dice il mister".

Vi siete detti qualcosa con Vlahovic prima di venire qui? Ci racconti una tipica azione con tuo assist per Vlahovic?
"Quando eravamo in nazionale Dusan mi ha chiesto cosa ne pensavo della Juve, mi ha detto che sarebbe stato molto felice di avermi qua e mi ha raccontato tante cose ottime del club. Quando sono arrivato poi ho visto che tutto quello che mi ha detto era vero. Sul gioco invece l'azione ideale forse sarebbe con un buon assist in area di rigore con Dusan che può chiudere".

Cosa pensi della mentalità della Juve che vuole vincere sempre? Ha inciso nella tua decisone?
"La mentalità dei giocatori e del club è chiaramente quella di vincere sempre. Noi dobbiamo avere sempre questo tipo di mentalità, facendo una partita alla volta, facendo attenzione e avendo pazienza. So cosa ci si aspetta da me e sono pronto a dare il massimo".

Ci racconti la trattativa con la Juve?
"Non ho seguito tanto la trattativa personalmente dal primo contatto fino alla fine. Io sapevo che volevo venire qui e ho fatto di tutto per venire qui".

Pensi di essere stato scelto anche perché sei un giocatore di carattere?
"Seguo la Juve da quando ero piccolino, ho sempre seguito tutta la Serie A. Il mio compito è quello di fornire la migliore palla agli attaccanti e sono qui per questo. Sono pronto a mettermi a disposizione dell'allenatore per dare questo supporto alla squadra".

Cosa ti ha chiesto Allegri in questi giorni?
"Ci siamo parlati di cose normali: dei sistemi, abbiamo discusso di alcuni aspetti tecnici. Io sono uno che lavora molto, non ho ancora spacchettato neanche i bagagli perché voglio inserirmi il prima possibile all'interno del club".

Hai già visto la differenza del modo di lavorare in Italia e in Germania?
"Non c'è tutta questa grande differenza, forse l'Italia è più tecnica. C'è un sistema che va imparato col lavoro giornaliero e spero di adattarmi il prima possibile a questo sistema nuovo e al club".

Tu e Radonjic sapevate che sareste finiti nella stessa città quando scherzavate in quel video virale dal parrucchiere?
"Sì con lui scherzavamo quella volta, diceva di venire alla Juve e alla fine ci ha beccato e mi ha fatto ridere perché lui l'ha detto convinto. All'epoca non sapevo niente però poi alla fine è andato tutto benissimo".

Il numero 17 che hai scelto ha un motivo speciale?
"No non c'è una ragione specifica, era libero, lo avevo anche in nazionale e ho pensato di conservarlo anche qui".

17:12 - Termina ora la conferenza stampa di Kostic.