Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Zazzaroni sul CorSport: "Il modello Mancini annullato dal decreto 'Crescita' del Governo"

Zazzaroni sul CorSport: "Il modello Mancini annullato dal decreto 'Crescita' del Governo"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Uefa/Image Sport
giovedì 15 luglio 2021, 08:43Rassegna stampa
di Alessandro Tedeschi

"Il modello Mancini annullato dal decreto 'Crescita' del Governo", scrive Ivan Zazzaroni oggi sul Corriere dello Sport. "La fiducia nei giovani, i progetti di sviluppo dei vivai, il coraggio, il made in Italy, tutte le belle cose che ci siamo raccontati in un mese di successi europei e allegria nazionale, e insomma il modello Mancini applicato al campionato? Semplicemente l’illusione - temo - di qualche giorno: un’ipotesi di gestione sana e intelligente accantonata per colpa di un decreto governativo che si chiama “Crescita” ma che della crescita non presenta i caratteri. (...) Il Decreto Crescita si sta rivelando un autentico boomerang, visto che per ottenere una significativa agevolazione fiscale le squadre di serie A e B al momento della scelta tra uno straniero da fuori e un italiano (da dentro) privilegiano sempre il primo", così scrive oggi il direttore del Corriere dello Sport. "In due parole: un calciatore italiano che percepisce uno stipendio netto di 3 milioni a stagione ne costa circa 6 al club; uno straniero con lo stesso ingaggio, 4 e mezzo. Questo squilibrio ha addirittura indotto l’Associazione degli agenti a chiedere alla Federcalcio di intervenire presso il governo poiché il decreto produce un danno indescrivibile ai nostri, potenziali futuri azzurri inclusi. La Nazionale di Mancini ha dimostrato che si può vincere anche senza i fuoriclasse da 30 milioni l’anno. E non esiste un momento più giusto di questo per investire sui nostri giovani e rilanciarci seriamente".