Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBeneventoBolognaCagliariCrotoneFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali
live

Cagliari, Semplici: "Non abbiamo ancora fatto nulla, ora diamo continuità"

LIVE TMW - Cagliari, Semplici: "Non abbiamo ancora fatto nulla, ora diamo continuità"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
martedì 02 marzo 2021 14:20Serie A
di Francesco Aresu

Il tecnico del Cagliari, Leonardo Semplici, sarà il protagonista della conferenza stampa (virtuale) per presentare la sfida di domani sera contro il Bologna di Mihajlovic. Inizio previsto per le ore 14.

14.03 – Inizia la conferenza stampa.

Si gioca a distanza di pochi giorni rispetto a domenica, ci saranno tanti cambi rispetto a Crotone?
"Stiamo valutando bene i ragazzi con lo staff medico, domani faremo una riunione per capire chi tra questi potrà essere a disposizione. Penso di fare 2 o 3 cambi, ma voglio dare continuità a chi è partito dall'inizio a Crotone. Voglio che chi scenderà in campo sia pronto a dare il massimo fisicamente per tutti i 95 minuti. Nainggolan può fare diversi ruoli: ha iniziato da mezzala, poi ha finito da play. Ha fatto bene in entrambe le situazioni, quando siamo rimasti in 10 sia lui che tutta la squadra mi sono piaciuti tanto per l'atteggiamento".

Simeone non segna dalla gara d'andata: come si motiva un calciatore che vive un momento simile?
"Bisogna dargli la giusta fiducia. Sta a me metterlo nelle giuste condizioni mentali per esprimere tutte le sue qualità, d'altronde ci sono queste partite ravvicinate e volta in volta darò spazio a tutti, in primis a lui”.

La difesa non ha preso gol, certamente le avrà fatto piacere. Chi prenderà il posto dello squalificato Lykogiannis?
“È stato importante non aver subito gol, ma questo è un elemento basilare per qualsiasi competizione: gestire bene la fase di non possesso è determinante per il nostro obiettivo. Ho portato poche idee, ma semplici da attuare: abbiamo sofferto a Crotone, ma era normale. Al posto di Lykogiannis ho sia Tripaldelli che Asamoah pronti a giocare una gara importante, ma sto conoscendo meglio la rosa e penso di avere anche altre alternative che sto valutando”.

Cosa vuole rivedere e cosa non vuole rivedere rispetto a domenica?
“Non mi è certo piaciuto l’approccio alla gara, abbiamo mostrato poco gioco e poca personalità, ma pure poca convinzione: non voglio vedere una squadra timorosa. Le difficoltà devono dipendere dalla bravura altrui, non certo perché ce le creiamo da soli. Per noi però contava solo il risultato finale, così da giocare da qui in avanti in maniera più serena. Mi è piaciuto il secondo tempo di domenica, invece, perché ho visto che avevamo un altro piglio. Non abbiamo subito la gara, facendo due gol e sfruttando le occasioni, anche in 10 abbiamo dimostrato di essere determinati. Ho visto negli occhi dei ragazzi la voglia di fare risultato, dobbiamo avere più cattiveria sportiva. Ripartiamo da questo. La vittoria di Crotone ci serviva, ma non dimentichiamoci che ancora non abbiamo fatto nulla, e servirà anche una prestazione migliore per dare continuità al risultato”.

Come ha visto finora Zappa, potrebbe tornare titolare domani?
“Lui è un giocatore di grande prospettiva, a Crotone ho voluto usare i giocatori più esperti data la difficoltà mentale della sfida. Però crediamo molto nel ragazzo e tornerà ad avere il suo spazio: deve migliorare nell’interpretazione del ruolo da quinto, fin qui gli allenamenti a riguardo sono stati pochi e ancora non sono passati i miei concetti per quel ruolo. Ma io credo ciecamente in questa rosa”.

Che tipo di Cagliari aspettarsi, specie in casa, se più coraggioso o più attento? E che ruolo avrà Marin?
“Io vedo Marin da mezzala, in un centrocampo a tre può esprimere meglio quei valori che lui ha. Non avendo un giocatore di ruolo davanti alla difesa a volte ha giocato anche da play, che è un ruolo che può interpretare. Potrà ricapitare anche più avanti e lui già ha dato la massima disponibilità, ma da mezzala può mettersi in mostra. Come atteggiamento mi piacerebbe un Cagliari offensivo, ma ancora abbiamo lavorato poco e ora ho trasmesso i concetti soprattutto sull’attenzione in fase di non possesso. Sarà questa la base per il futuro”.

Cosa teme maggiormente del Bologna? Mihajlovic andrà a Sanremo, lei sta pensando a un'esibizione speciale se salvasse il Cagliari?
“Se Mihajlovic canta pure, sa fare tutto e così è perfetto (sorride, ndr). Scherzi a parte, ora penso alla mia squadra sapendo che loro hanno grandi valori. Hanno messo in difficoltà tutte gli avversari, non hanno grande continuità ma mi aspetto una gara davvero complicata. Dobbiamo sì avere rispetto, ma pure consapevolezza delle nostre qualità. Aggressivi e determinati, queste sono le parole chiave perché non dobbiamo lasciare niente di intentato. Loro hanno qualità in ogni zona del campo, ma noi pensiamo solo al Cagliari: dobbiamo essere compatti, attenti e coraggiosi, curare le coperture preventive e giocare a due tocchi”.

Il ritorno di Pavoletti al gol, quanto lo ha motivato? Come sta Sottil?
“Riccardo starà fermo ancora qualche giorno, mi auguro di poterlo recuperare perché è un giocatore importante anche a partita in corso e ha caratteristiche uniche come il dribbling in questa rosa. Mi auguro di averlo entro 10 giorni. La carica data a Pavo? Mi auguro di essere stato bravo, non solo con lui ma con tutto il gruppo. Ho accettato Cagliari perché ho visto in questa formazione qualcosa di importante, ora li sto conoscendo anche come uomini e sono convinto che abbiamo anche dei valori umani solidi”.

Che effetto le sta facendo Godin? E quel gesto finale di abbracciarsi a fine gara verrà ripetuto?
“Godin ha esperienza e disponibilità, non lo conoscevo personalmente: sono contento di poterlo allenare, lui come gli altri esperti del gruppo sarà fondamentale. Già a Crotone i veterani hanno aiutato chi non è abituato a questo genere di partite. Mi aspetto questo da lui da qui a fine stagione, perché so che lo può fare molto bene. Per quanto riguarda il gesto a fine gara l’ho sempre fatto, anche con la Spal. Non mi piace farlo all’inizio perché nel pre-partita ci sono le chiacchiere e alla fine resta il risultato. Questo è il mio modo a fine gara per stare vicini ai miei ragazzi e per essere compatti sull’obiettivo”.

Quanto sta pesando l’assenza del pubblico?
“Purtroppo per noi moltissimo, con le curve piene sarebbe stato diverso. I giocatori con il pubblico tolgono fuori qualcosa in più. Però avremo di contro il vantaggio in trasferta di non avere tifosi avversari. Ma dobbiamo vivere normalmente questa situazione”.

Joao ha detto: “Semplici ha riportato entusiasmo”, è bastato così poco? Cosa ha portato dal punto di vista umano?
“Quando entri in un gruppo che da tempo lavora insieme, devi entrare in punta di piedi e capire le situazioni dello spogliatoio. Devi capire perché i giocatori stanno rendendo meno: per questo ho parlato con tutti, sia con colloqui di gruppo che individuali. A Crotone abbiamo visto che il timore ci porta a fare errori che non sono nelle nostre corde. Serviva uno in panchina che credesse nelle loro personalità, per farli esprimere al meglio. Questo è stato il primo intervento e anche il più difficile per me. Non ho voluto che pensassero troppo alle gare passate, ho chiesto loro di dimenticare tutto e giocare pensando solo alle proprie caratteristiche. Ognuno deve fare il suo, senza inventarsi nulla di trascendentale. E sono sicuro che grazie alla nostre caratteristiche potremo arrivare all’obiettivo. Ora però testa bassa, casco in testa e via a lavorare”.

Ceppitelli, Duncan, Nainggolan, possono fare due gare in tre giorni? E Nandez può giocare anche a sinistra?
“Per Nahitan ci può essere anche questa eventualità, ma aspetto la rifinitura di domani mattina. Per chi deve rifiatare stiamo valutando bene perché qualcuno dovrà riposare, dato che domenica c'è un’altra sfida importante. Chiederò a qualcuno qualche sacrificio, ma ho una buona rosa per sopperire a queste difficoltà”.

14.33 – Termina la conferenza stampa.

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2021 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000