Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBeneventoBolognaCagliariCrotoneFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali
live

Inter, Conte: "Juve? Non mi accontento. Arriva il derby, ma priorità alla Serie A"

LIVE TMW - Inter, Conte: "Juve? Non mi accontento. Arriva il derby, ma priorità alla Serie A"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Federico De Luca
venerdì 22 gennaio 2021 14:00Serie A
di Alessandro Rimi
F5 PER AGGIORNARE LA PAGINA

13.15 - Dai bianconeri ai bianconeri. Come contro la Juventus, a Udine Antonio Conte non intende mollare di un centimetro, a caccia di un'altra vittoria per continuare a mettere pressione al Milan. Il tecnico dei nerazzurri parlerà a breve in conferenza stampa, in vista dell'ultima giornata del girone di andata di Serie A. Seguila LIVE su TuttoMercatoWeb.com

13.40 - Iniziata la conferenza stampa di Antonio Conte

Buon pomeriggio mister: che partita ci dobbiamo aspettare a Udine contro una squadra equilibrata? - "In Serie A non bisogna mai affrontare una squadra con superficialità, specialmente squadre fisiche e con un'identità precisa come l'Udinese. L'abbiamo vista contro l'Atalanta, hanno giocatori di qualità e forti in ripartenza, per questo abbiamo preparato la gara penso nel migliore dei modi. Sarà un match duro sotto tutti i punti di vista, loro possono creare pericoli a chiunque"

Contro la Juve è stata una partita perfetta? - "Inevitabile che quando batti squadre forti come la Juventus, abituata ad essere molto forte in Serie A, serve una partita ottima e senza errori. Noi bravi a sfruttare i loro punti deboli e a non commettere troppe sbavature. Abbiamo preso tre punti e capito che siamo sulla strada giusta, ma comunque ne resta tanta da fare. Lavoreremo sempre più duramente"

Dopo una prova così come si riparte? -"L'Inter per storia e tradizione deve sempre provare a ottenere il massimo e a puntare al massimo. Domani si ricomincia, ci sono tre punti in palio e dovremo dare il 110 per cento. Serve la stessa prestazione, quella che serve in tutte le partite"

Inter e Milan hanno raggiunto la Juventus? - "Considero questo campionato con sette squadre che possono giocare per lo scudetto e per un posto in Champions League. Il girone di andata lo ha confermato, indipendentemente dal passo più o meno spedito"

In vista del derby di Coppa, potrebbe pensare a qualche modifica di formazione? - "Ragioniamo solo e soltanto sull'Udinese, il campionato dà due possibilità e perciò la nostra priorità va all'Udinese. E' questa la partita più importante in assoluto"

Ultimamente gli attaccanti non segnano.. - "Caratteristica delle mie squadre è proprio quella che a segnare non siano solo loro. Inevitabile che i due attaccanti fanno da terminale offensivo, per loro ci sono opportunità e occasioni per fare gol, ma le mie squadre coinvolgono tutti i calciatori. Noi attacchiamo in modo diverso e con uomini diversi, con tutti i reparti"

La vittoria con la Juventus segna un cambio di mentalità per la squadra? - "L'ho sempre detto: abbiamo dato il via a un percorso che nel tempo ha visto netti miglioramenti, anche nella mentalità, nell'affrontare partite nella giusta maniera. Ora serve una crescita, tecnica e tattica, oltre che di concentrazione, da parte di tutti i calciatori. E tutti, più o meno velocemente, stanno migliorando sotto tutti i punti di vista. In un anno e mezzo i miglioramenti sono stati tanti: alcuni si vedono di più, altri meno, ma io vedo anche nelle battute d'arresto che qualcosa in più a casa lo portiamo sempre. Se vogliamo stare in alto, i margini di errore devono essere minimi. Non ci si può accontentare dell'effimero successo quotidiano, pensiamo a portare a casa qualcosa di importante a fine stagione"

Al primo anno alla Juve facesti un discorso motivazionale ripreso dalle telecamere, con il quale convincesti i tuoi che lo scudetto si poteva vincere davvero: qui farai o hai già fatto qualcosa di simile? - "Non mi piace fare paragoni, ogni percorso è diverso dall'altro, è inevitabile che la nostra crescita passa anche da una convinzione di potercela fare, ma c'è solo un modo per farlo: attraverso il lavoro. Quando non arrivano i risultati, a volte, noi tecnici veniamo messi in discussione. Bisogna certamente fare anche un lavoro psicologico, quando parlo ai miei sanno che lo faccio col cuore in mano. Io non vendo fumo a nessuno"

La vittoria della Juventus in Supercoppa dà la giusta dimensione alla vostra vittoria? - "A noi interessa poco se esaltano i meriti di una o dell'altra. Abbiamo giocato una partita importante sotto tanti punti di vista, la Juve aveva dato risposte notevoli anche con diverse assenze e perciò se noi non giocavamo una partita ottima non avremmo vinto e con merito. Sappiamo quanto c'è stato di nostro e questa è la cosa più importante"

13.57 - Terminata la conferenza stampa di Antonio Conte

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2021 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000