Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

È ufficiale: candidatura congiunta Spagna-Portogallo-Ucraina per i Mondiali del 2030

È ufficiale: candidatura congiunta Spagna-Portogallo-Ucraina per i Mondiali del 2030TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
mercoledì 5 ottobre 2022, 14:42Calcio estero
di Daniel Uccellieri

L'Ucraina farà parte della candidatura congiunta di Spagna e Portogallo per ospitare i Mondiali del 2030. La notizia adesso è ufficiale ed è stata comunicata dalla federazione spagnola pochi minuti fa, di seguito il comunicato ufficiale:

La Federcalcio spagnola reale e la Federcalcio portoghese (FPF) hanno incorporato la Federcalcio ucraina (UAF) nella candidatura iberica per organizzare la Coppa del Mondo 2030. La proposta ha il sostegno incondizionato della UEFA in un progetto globale che trasforma il calcio europeo in una situazione eccezionale.

Con il pieno sostegno di Aleksander Ceferin, l'offerta iberica incorpora la federazione presieduta da Andriy Pavelko per mandare un messaggio di unità, solidarietà e generosità da tutto il calcio europeo.

La candidatura rafforza i legami con l'Europa, generando speranza e fornendo strumenti di ricostruzione al popolo ucraino, che ha espresso orgoglio e gratitudine per aver partecipato a questo progetto.

La Commissione di coordinamento dei Mondiali 2030, guidata da Antonio Laranjo, sta già lavorando con la partecipazione dell'Ucraina, che presto incorporerà i membri della sua delegazione. L'arrivo ucraino non altera la tabella di marcia stabilita: la Spagna mantiene le sue undici sedi e il Portogallo ne avrà tre.