Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

Giletti: "Juve, non sarai ancora 'inallenabile' come diceva Sarri? In campo vanno i giocatori"

Giletti: "Juve, non sarai ancora 'inallenabile' come diceva Sarri? In campo vanno i giocatori"TUTTOmercatoWEB.com
domenica 25 settembre 2022, 20:15Serie A
di Alessandra Stefanelli

Intervistato dalla Gazzetta dello Sport, il conduttore tv e giornalista Massimo Giletti, grande tifoso della Juventus, ha analizzato così il momento vissuto dalla formazione bianconera: “I problemi di questa stagione sono figli degli errori commessi negli anni precedenti. Vedo mancanza di orgoglio e di condizione fisica, ma soprattutto non vedo una squadra. Il mio timore è che la Juve di oggi nella sostanza sia la stessa che Sarri definì ‘inallenabile’, un’armata Brancaleone che ha perso la base forte italiana ed è per questo difficile da gestire perché pure essendo formata da buoni giocatori, comunque non fanno squadra. Il nodo fondamentale è capire quale sia il rapporto di Allegri con la squadra, per la società sarebbe fondamentale mettere a fuoco questo aspetto fondamentale”.

Si va poi a scavare alla base dei problemi bianconeri: “Per trovare il nocciolo bisogna guardare indietro: io lo vedo nella rottura dell’asse Marotta-Paratici-Nedved. Da allora non è più stata la stessa Juve. Poi sono arrivate le decisioni di interrompere i rapporti prima con Allegri, poi con Sarri e Pirlo, nonostante avessero centrato vittorie. Poi è stata decisa l’operazione Ronaldo, che ha fatto sognare i tifosi ma anche impattato pesantemente sui costi senza portare lo sperato salto di qualità a livello internazionale. E oggi per la Juve arrivare quarta è il minimo, ma anche massimo dei risultati”.

Allegri sì o Allegri no? Giletti si espone: “Non amo le dicotomie spinte: nascondono sempre il vero problema. Sono i giocatori che vanno in campo: sono uomini o figurine? Ognuno ha le sue, e inevitabilmente chi è ai vertici ha responsabilità maggiori perché comanda, decide, sceglie. Per come la vedo io però sono i giocatori che vanno in campo a decidere le gare”.

Primo piano
TMW Radio Sport