Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBeneventoBolognaCagliariCrotoneFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali
live

Hellas, Juric: "Futuro? Non abbiamo ancora parlato. Benassi è stupendo, ci è mancato"

LIVE TMW - Hellas, Juric: "Futuro? Non abbiamo ancora parlato. Benassi è stupendo, ci è mancato"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
giovedì 15 aprile 2021 18:47Serie A
di Luca Chiarini
Diretta scritta su TUTTOmercatoWEB.com. Premi F5 per aggiornare la pagina!

18.15 - L'Hellas Verona si prepara ad affrontare la trasferta di Genova per riscattare il k.o. al fotofinish dello scorso weekend contro la Lazio. A due giorni dalla sfida con la Sampdoria, il tecnico gialloblù Ivan Juric risponderà alle domande dei giornalisti direttamente dalla sede del club. La conferenza avrà inizio alle 18.30: vi proponiamo di seguito, con una diretta scritta, tutte le sue dichiarazioni.

18.27 - Inizia la conferenza stampa.

Che valutazione dà della gara contro la Lazio? La Samp è una squadra tignosa...
"La partita è stata fantastica, i vostri giudizi mi hanno sorpreso perché abbiamo fatto una bellissima partita. Limitare così la Lazio, con livelli di gioco molto alto, mi ha soddisfatto. Loro hanno fatto poco o niente, ma la qualità dei loro attaccanti e dei loro difensori rende tutto più difficili. La Samp sta molto bene, ha grandissima scelta. Sarà una partita durissima perché ultimamente li ho visti molto bene: mi ha fatto una buonissima impressione".

Questo Verona può essere migliorabile? Se sì, come?
"Penso che gli ultimi due anni siano stati fuori dal normale, in una logica di investimenti, di quel che raccogli e cose così. C'è sempre una logica: basta guardare il monte ingaggi e più o meno è quello. Noi abbiamo fatto un grandissimo lavoro: se è possibile fare altro non lo dovete chiedere a me, è chiaro quello che bisogna fare. Penso che le idee siano molto chiare".

I gol subiti la preoccupano?
"Con Milan era un assedio, c'era gente che moriva sul campo. Col Genoa non avevo la sensazione potessimo prendere gol, e anche con la Lazio non mi sembra ci sia stato un dominio da parte loro. C'era una sensazione di tranquillità. Stiamo parlando di Magnani che salta due metri, e quell'altro che salta tre metri. Parliamo di giocatori strepitosi. Non avevo la sensazione che qualcosa stesse andando male".

E con il Torino?
"Anche lì: arriva palla a un nostro giocatore, gli sbatte addosso e perdiamo punti. Anche col Sassuolo ci fu dominio totale. Quando fai così dici 'abbiamo perso dei punti importanti'. Ma altri non ci hanno dominati come il Milan. Con il Torino e il Genoa ci sono stati episodi sfortunati. Nel caso della Lazio do grande merito a Milinkovic".

Come stanno Lasagna e Kalinic? Kalinic potrà essere utile?
"Kalinic non so: oggi ha avuto un altro problemino, vedremo. Lasagna mi incuriosisce tanto come allenatore. Lui ha imparato ad attaccare la profondità e a vivere solo su quello: vedo che può fare cose anche diverse, come venire a giocare o farsi vedere di più, dribbling. Ci sono cose che può migliorare, e stiamo lavorando tanto. Nell'ultimo mese si è aperto mentalmente ad accettare altri movimenti. Prendo l'esempio di Zapata: a Udine era un altro giocatore, adesso se vedi i suoi movimenti è tutta un'altra cosa. Con Lasagna bisogna fare così: quanto ci metteremo non lo so, ma settimanalmente vedo già qualche cosa, e vedo disponibilità da parte sua di imparare. Sono fiducioso sul fatto che possa ampliare il suo repertorio. Adesso vediamo cos'ha Kalinic, Favilli rientra. Tutti saranno utili, in queste tre partite penso di provare a dare minuti a tutti".

Si continua a parlare del suo futuro, ma lei ha firmato un contratto fino al 2023. Anche l'arrivo di Lasagna è un suo input.
"Non è così. Siamo salvi da un bel po', non abbiamo parlato di futuro. Non so che succede, quali siano le idee. Non lo so, si può stare anche fermi. Questa stagione è stata molto impegnativa, per me e il mio staff. Dobbiamo guardare sempre avanti, e quando migliori ti scontri. Se sei sereno non migliori proprio niente. Per me bisogna andare avanti. Non abbiamo ancora affrontato l'argomento, anche se siamo salvi da un po'".

Da chi si aspetta la crescita maggiore? L'ottavo posto ha un valore per voi?
"Quando dico che è stato difficile è perché penso che ci sia stato tanto lavoro. Qualcuno ha giocato troppo all'inizio e ha subito contraccolpi pesanti, adesso tutti si stanno avvicinando. Ma adesso, dopo tanti mesi. In molti possono migliorare, poi si vedrà se riusciranno o no. Mi aspetto questo, anche da Kevin, da Magnani, da Lovato, da Pawel. Li vedo tutti in grado di migliorare col lavoro, e loro hanno una predisposizione impressionante. Li vedi che vogliono lavorare. Sull'ottavo posto, io ci tengo tantissimo. Con la Lazio abbiamo fatto una grandissima partita, la mia stima calcistica nei confronti di voi si è abbassata tantissimo. Mi dispiace non possiate vedere gli allenamenti. Poi se si può fare non lo so, ma il loro atteggiamento è tanta roba per una squadra già salva. Potrebbero dire 'questo ci rompe ancora', ma invece ti chiedono. Kevin ti guarda e dice 'io voglio fare quel movimento': c'è voglia di migliorarsi, questo mi dà voglia di stare con loro. Vediamo dove arriveremo, ma abbiamo voglia di fare il massimo".

Benassi può rientrare?
"Nelle ultime settimane si è allenato un po' di più. È un giocatore stupendo, che non abbiamo. Ha sinistro, destro, velocità di passaggio, intelligenza tattica. Ci è mancato tanto, era un acquisto mirato. Non era un discorso economico, ma abbiamo preso un giocatore che poteva darci tanto. Spero trovi continuità, che non debba recuperare il giorno dopo: se tutto va bene spero di sì, mi piacerebbe. Per lui è stato un calvario e mi farebbe piacere per lui perché non ha mai mollato. Se continuerà ad avere continuità entrerebbe nella mia ottica".

Come stanno gli altri?
"Favilli è rientrato oggi, Cetin dovrebbe rientrare dopo sabato, Vieira ancora no. Tameze dall'inizio ha spinto tanto, ma mi sembra anche che Sturaro abbia fatto una grande partita contro Luis Alberto, che non ha mai fatto niente. Non so chi giocherà tra i due, ma ho sicuramente un'opzione in più. Poi Tame è top, è un ragazzo stupendo. Se fossimo rimasti sullo zero a zero cosa avreste scritto? Ad esempio a Cagliari Sturaro non ha fatto bene, ma avete scritto che aveva fatto benissimo. Con la Lazio ha fatto una partita stupenda, non ha sbagliato niente. Poi è normale si giudichi in base ai risultati: magari ti prendi i complimenti anche se non meriti quando hai vinto".

Tatticamente prende in considerazione l'eventualità di aggiungere una punta di ruolo, o preferisce rimanere fisso sul modulo di partenza?
"Con la Lazio abbiamo avuto una palla-gol con Darko. Quello che ho rimproverato, anche se non è un rimprovero forte, è che abbiamo sbagliato diversi tre contro uno, quattro contro tre, tante situazioni che abbiamo sfruttato con Napoli, Juve. Questa volta ci è mancato questo tocco, l'allungarsi la palla, non stopparla bene. Ci è mancato questo perché diventasse una partita eccellente. In questi anni abbiamo fatto il miglior calcio senza attaccanti, in quei momenti la squadra era più pericolosa e più difficile da difendere. Abbiamo fatto partite con due attaccanti, non è una situazione da escludere: a Genova giocavo con Kouamé e Piatek e mi piaceva, ma devono essere due attaccanti forti, ti devi appoggiare su di loro. L'abbiamo provato, poi Kalinic si è fatto male e lo vedo meno, non ne abbiamo due potenti in questo momento. Ma ci sta in certe partite, nella mia testa c'è questa opzione".

18.51 - Finisce la conferenza stampa.

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2021 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000