Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBeneventoBolognaCagliariCrotoneFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali

Inter, Young: "Conte mi ha voluto fortemente. E Lukaku non smetteva di chiamarmi"

Inter, Young: "Conte mi ha voluto fortemente. E Lukaku non smetteva di chiamarmi"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
venerdì 09 aprile 2021 00:11Serie A
di Simone Lorini

Ospite di Vover Sports, il laterale dell’Inter Ashley Young parla della propria esperienza in Serie A, illustrando i propri progressi con l’italiano: “So dire qualche parola e costruire qualche frase. Quando sono arrivato in Italia, avevo iniziato a prendere lezioni con un’insegnante prima della pandemia. I miei compagni parlano italiano, io capisco cosa dicono ma non parlo ancora fluentemente”, evidenzia FcInterNews.it.

Perché hai deciso di passare Premier League alla Serie A?
“Dopo nove anni al Manchester United, è arrivata quasi all’improvviso questa opportunità. Antonio Conte mi voleva già quando ero al Chelsea. Ho avuto questa occasione di andare a giocare con continuità in un grande club italiano come l’Inter e ho pensato di coglierla. Poi Romelu Lukaku non smetteva di telefonarmi per dirmi di raggiungerlo in Italia. Ero in scadenza e giocavo nei Red Devils da nove anni, la mia idea era di continuare a giocare a calcio perché mi sentivo come se avessi ancora 21 anni”.

Sulle differenze tra Premier League e Serie A.
“È un calcio molto più tattico, quello italiano. Molte squadre giocano col 3-5-2 e quindi si dà molta importanza ai quinti, che devono difendere e attaccare. Devi allenarti duramente, mi ricordo che il primo giorno di allenamento mi dissero che avremmo dovuto fare dei blocchi. E io rimasi lì a chiedere cosa fossero questi blocchi... Quando finimmo, però, chiesi se potevo farlo di nuovo”.

Su Antonio Conte.
“Col fatto che a causa della pandemia gli stadi sono vuoti, tu senti tutto quello che dice. Proprio tutto. E non si ferma mai”.

Questo campionato è nelle vostre mani?
“Sai, all’inizio il Milan è stato a lungo in testa alla classifica, e come loro perdevano punti li perdevamo anche noi. L’anno scorso siamo arrivati secondi a un punto dalla Juventus, adesso siamo avanti ma le cose possono sempre cambiare. Le grandi squadre possono perdere punti contro le piccole in Serie A. Siamo in un buon periodo ma dobbiamo continuare a vincere. Ora è nelle nostre mani, dobbiamo continuare a fare bene e vincere, e anche avere un po' di fortuna. L'anno scorso abbiamo lottato fino alla fine per lo Scudetto e l'Europa League, ma Conte è uno che ha fame di vittorie e vuole continuare a vincere. Non vuole perdere in allenamento. Ci sono dei momenti in cui la gente lo guarda e dice: 'Wow...'. Lui è uno dei motivi per i quali sono venuti qui".

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2021 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000