Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCagliariEmpoliFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdineseVenezia
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSports

B. Baresi: "Facile entrare in sintonia con Mourinho all'Inter, i risultati hanno aiutato"

B. Baresi: "Facile entrare in sintonia con Mourinho all'Inter, i risultati hanno aiutato"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Federico De Luca
sabato 13 marzo 2021 21:00Serie A
di Alessandra Stefanelli

Una vita in nerazzurro. All'Inter da calciatore Giuseppe "Beppe" Baresi ha trascorso le annate 1977-1992: 559 presenze e 13 gol, scudetti 2 (1979-80, 1988-89), Coppa Italia 2 (1978, 1982), una Supercoppa Italiana (1990) e una Coppa Uefa (1991). Poi vice fra gli altri di José Mourinho e oggi talent scout. Anche se da ragazzino, così come il fratello Franco, era milanista: "A quei tempi - ha raccontato Beppe Baresi a Il Giornale - tutti eravamo ammaliati da Rivera. Poi il sangue è cambiato velocemente. Primi calci a un pallone? Sull'aia. Vivevamo in una tipica cascina lombarda con un cortile interno, duro. Ho cominciato a inseguire un pallone lì, spesso a piedi nudi perché non c'erano molte scarpe da rovinare a quei tempi. C'erano sei famiglie, quelle di mio padre e dei suoi tre fratelli, due in affitto. Aspettavamo che tagliassero l'erba per il fieno, così avevamo due giorni in cui potevamo giocare sui prati. Poi l'erba ricresceva". Percorso in comune con suo fratello. "Eh sì, aia, prati, oratorio, Inter. All'oratorio giocavo centrocampista, Venturi all'Inter mi mutò in terzino sinistro. Sono partito con un anno d'anticipo su mio fratello destinazione il convitto di Famagosta. Lì legai con Bini, che era più grande di me e con Pancheri che era del mio paese".

Una volta disse che avrebbe voluto fare l'agricoltore. "Ci ho pensato fino a quando non ho capito che il calciatore era diventato un mestiere. A me è sempre piaciuta la campagna, fin da piccolo aiutavo. Alla fine la campagna l'abbiamo dovuta lasciare, mio papà è stato male. Se avessi guadagnato prima, avrei comprato i terreni. Mi piaceva, anche se l'agricoltore è un lavoro faticoso. Ricordo che mio padre si alzava alle cinque e non sapeva quando finiva. Meglio il giocatore (ride, ndr)". L'inizio a Milano però non è stato facile: "Si figuri per me che abitavo in campagna e il mio mondo erano cinquanta persone. Mi sono chiesto: vado o non vado? Mi convinsero. Avevo un carattere chiuso, ero taciturno, poco propenso ad aprirmi". Poi l'esordio in Serie A: "In campionato a Vicenza, 18 settembre 1977. Mi ricordo una grande emozione, però non sono mai stato apprensivo. La verità? Non avrei mai immaginato questa carriera, sono partito da casa senza pensare a diventare professionista, ma ho sfruttato l'occasione". Grazie a Eugenio Bersellini: "Una grande persona. Lo chiamavano 'il sergente di ferro'. Pretendeva molto e stabiliva regole, chiedeva attenzione e impegno. È stato uno dei primi a cambiare metodo di allenamento, arrivò con il preparatore, figura non ancora così diffusa". Il mitico Armando Onesti, detto 'il sarto': "Era sarto per davvero, faceva anche vestiti su misura, era più di un hobby. Un altro calcio, quello, gli amici venivano in ritiro e giocavamo a carte. C'erano contatti diretti con tifosi e giornalisti".

Sugli allenatori cardine della sua carriera: "Bersellini è stato quasi un padre per me, un punto di riferimento. A Trapattoni sono grato perché mi ha aiutato a smettere, mi ha fatto capire che a un certo punto bisogna fare altro. Quando mi lasciava fuori mi spiegava il perché". Poi ha seguito il settore giovanile dell'Inter ed è stato il secondo di Mourinho nei due anni d'oro culminati con il Triplete: "Numero 1 nella gestione delle persone, bravissimo a trasmettere le sue idee. Facile entrare in sintonia con lui. Poi i risultati aiutano". Ora per l'Inter fa lo scout. "Come cambia il calcio? Guardo partite di tutto il mondo. Adesso ci sono un po' meno campioni nel senso pieno della parola, più atleti-calciatori. Qualche campione, però, si trova sempre".

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2021 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000