Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Vendere ancor prima che acquistare. Con tre cessioni Marotta ha portato all'Inter 250 milioni

Vendere ancor prima che acquistare. Con tre cessioni Marotta ha portato all'Inter 250 milioniTUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
martedì 21 giugno 2022, 16:32Il corsivo
di Simone Bernabei

Il concetto è chiaro e ben impresso nelle menti di tutti o quasi i nostri dirigenti, quelli di Serie A. Vendere, soprattutto in Italia, è molto più difficile che comprare. Ed il bravo direttore sportivo, o uomo mercato per essere più generici, è quello che riesce a farlo più e meglio degli altri.

Beppe Marotta in questo, e non solo in questo, potrebbe insegnare a molti. Lo dimostrano alcune grandi cessioni degli ultimi anni, lo certifica quello che potrebbe succedere nel giro di poche ore. E partiamo proprio dall'epilogo quasi annunciato: vendere Milan Skriniar non è forse così complicato, ma farlo alle condizioni che si desidera è compito arduo se da una parte hai un acquirente come il PSG e dall'altra la necessità sbandierata ai quattro venti di dover chiudere con un attivo fra i 60 ed i 70 milioni. Prima offerta da 40. Poi 50. Oggi 60. Un rialzo di 20 milioni in pochi giorni, per arrivare a quanto chiesto dall'Inter, cioè 70. Magari non si chiuderà lì, ma a 65 (cash) con i bonus sarebbe comunque una grande cessione considerando il momento, il prezzo d'acquisto nel 2018 (5 milioni, più il cartellino di Caprari, più bonus) e l'età del giocatore. L'addio prossimo di Skriniar fa il pari con quanto successo lo scorso anno: al netto dell'impoverimento tecnico, Hakimi partì per 64 milioni di euro. Romelu Lukaku per 115. Per un totale di quasi 250 milioni di euro incassati da tre cessioni post pandemia.

Ci sono altri precedenti
Fermandosi alle grandi operazioni e tenendo in considerazione l'aspetto economico-finanziario, già alla Juventus Marotta aveva chiuso colpi del genere. Successe con Coman, arrivato per poche centinaia di migliaia di euro e rivenduto al Bayern per quasi 30 milioni. Successe, soprattutto, con Paul Pogba: arrivato a zero alla Juventus dal Manchester United, rivenduto 4 anni dopo dalla Juventus al Manchester United per 105 milioni di euro.