Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBeneventoBolognaCagliariCrotoneFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSports

RBN - Abete: "Superlega, tempi non maturi. Agnelli come persona non si discute"

RBN - Abete: "Superlega, tempi non maturi. Agnelli come persona non si discute"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
mercoledì 21 aprile 2021 18:08Altre Notizie
di Alessandra Stefanelli

Ai microfoni di Radio Bianconera, nel corso di 'Up&Down', è intervenuto l'ex presidente della FIGC Giancarlo Abete: "La Superlega? È stato un terremoto ma di durata molto limitata e alla fine non ha determinato vittime, c'è stata solo molta fibrillazione. Chiaramente ci saranno difficoltà nei rapporti tra le parti, ora è tutto rientrato ma bisogna con grande rispetto per tutti i protagonisti rendersi conto che il tempo e il modo in cui è stato presentato questo progetto non era quello giusto".

Su Agnelli: "Più che un gesto di arroganza è stato un gesto di difficoltà e di debolezza. È naturale che molte società stiano vivendo una situazione di grande difficoltà sotto il profilo economico che è andata a peggiorare con la pandemia e il blocco dei diritti tv. Il momento non era quello giusto per riaprire il fronte. È ovvio che l'attenzione si sia proiettata di più verso il palcoscenico internazionale. L'altro tema è che il presidente Agnelli si è dimesso dall'ECA perché probabilmente si è reso conto che la sua presenza non aveva determinato delle soluzioni in relazione alle problematiche di alcuni club. L'ECA nel tempo è diventata una realtà che associa centinaia di società ed è difficile fare gli interessi di tante società e poi valutare che 15-20 società hanno problemi diversi. Non era un ruolo più compatibile. La qualità della persona non si discute, ma ha commesso un errore".

Sullo sfilamento delle formazioni inglesi: "L'insurrezione dei tifosi sicuramente ha fatto tanto. Evidentemente l'interlocuzione era ancora in atto. La reazione dell'opinione pubblica e della politica è stata molto forte, quindi evidentemente c'è stata una sottovalutazione della comunicazione da parte di tutti e una sottovalutazione della reazione da parte degli stessi. Il momento storico non facilita delle fughe in avanti, a tutti si chiede più solidarietà. In questo momento bisogna agire sul versante dei costi e non su quello dei ricavi".

Ancora su Agnelli: "Il calcio ci porta a far diventare delle persone degli eroi e poi delle persone che hanno fallito gli obiettivi. Non penso che nessuno possa mettere in discussione i risultati di Agnelli o del club. È stato un errore ma non solo da parte di Agnelli, sono stati sbagliati contenuti e tempi. Sicuramente non posso accettare che certi dibattiti si esauriscano nell'attacco alla persona".

Clicca sul podcast in calce per ascoltare la trasmissione integrale.

Primo piano
TMW Radio Sport
TMW News TMW News: Milan, tutto in 90 minuti. E Gattuso fa gola a molti club
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2021 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000