Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBeneventoBolognaCagliariCrotoneFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali

Pelé: "Il nome non mi piaceva. Con Maradona scherzavamo sempre su chi fosse il migliore"

Pelé: "Il nome non mi piaceva. Con Maradona scherzavamo sempre su chi fosse il migliore"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Alessio Alaimo
lunedì 12 aprile 2021 00:01Calcio estero
di Alessandra Stefanelli

La leggenda Pelé è stato stasera ospite di Fabio Fazio nel corso di 'Che Tempo che fa': "Sono molto felice di essere qui, spero che stiate tutti bene - ha esordito -. Non chiamatemi ‘signore’, il mio nome è Pelé. Se mi chiamate ‘signore’, mi sento molto vecchio. Mio papà mi diceva che per fare il calciatore ci vuole fegato. È un organo fondamentale dell’essere umano, se non funziona bene poi non si sta bene. È come il cuore. Se ho rotto un dito a Stallone durante 'Fuga per la vittoria'? Così dicono. È un’emozione quando rivedo quelle immagini. Mi trattengo per non piangere, vi dico grazie. Mio papà era un giocatore di calcio, era un numero nove, aveva fatto tanti gol di testa. L’unica cosa che volevo che Dio mi desse era giocare tanto bene quanto mio padre, volevo essere uguale a lui. Per questo mi commuovo quando parlo di questo. Ringrazio Dio. Uno dei suoi consigli più grandi? ‘Non pensare di essere migliore o più importante degli altri, sei uguale agli altri. Quindi rispetta le persone e pensa di fare sempre del tuo meglio perché si tratta sempre di un dono di Dio'".

Si parla poi del suo nome: "Ho vissuto un’infanzia felice - ha detto O Rei -. Il mio nome è Edson, dopo hanno cominciato a chiamarmi Pelé. Non mi piaceva, ho cominciato a litigare con tutti quanti. Ero un fan di Thomas Edison. Cos’è Pelé? Thomas Edison è importante! Il Mondiale in Svezia del ’58? Non immaginavo di essere convocato a quell’età. C’erano tante persone diverse dai brasiliani (la prima volta che Pelé lasciò il Brasile, ndr), quando siamo arrivati in aeroporto non c’erano persone di colore. È stato un cambiamento incredibile nella mia vita". Sul gol di testa in finale: "Non posso dimenticare quel momento, la gente mi diceva che ero troppo giovane. E oggi penso a quanto Dio sia stato buono nei miei confronti. Ricevo tanti messaggi dall’Europa, dall’Africa, dall’Asia. Ringrazio tutti quanti per l’affetto che ricevo ogni giorno”.

Infine chiosa su Diego Armando Maradona, scomparso pochi mesi fa: "Maradona? Non avevamo un’amicizia intima, ma quando ci incontravamo scherzavamo l’uno con l’altro. ‘Tu sei migliore di me?’, ‘Ma io faccio gol di destro, di sinistro e di testa. E tu no’. Scherzavamo sempre sul fatto di chi fosse il migliore. Il 19 novembre 1969 ho segnato il mio 1000° gol al Maracanà, ho ancora il pallone. Il personaggio più importante mai incontrato? Ho vissuto dei momenti importanti con tutti. Grazie a Dio, mi sono vaccinato e ho passato il messaggio. Speriamo che passi presto, come altre cose brutte sono già passate. Tutto quello che ho cercato di fare è stato per ringraziare gli altri".

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2021 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000