Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Zaire-Emery, classe 2006, fa impazzire il Milan. In Italia invece il 2001 Rovella è considerato un baby. Il mercato della Juve, le nostre Nazionali e il confronto 'Champions': siamo un paese per vecchi

Zaire-Emery, classe 2006, fa impazzire il Milan. In Italia invece il 2001 Rovella è considerato un baby. Il mercato della Juve, le nostre Nazionali e il confronto 'Champions': siamo un paese per vecchiTUTTO mercato WEB
venerdì 27 ottobre 2023, 16:03Editoriale
di Marco Conterio
Conduttore di Radio Sportiva, è uomo mercato e opinionista su Tuttomercatoweb. E' in RAI ogni domenica con 90° Minuto e il lunedì con Calcio Totale

Volete un esempio di come l'Italia sia un paese per vecchi? Warren Zaire-Emery che a diciassette anni, lui che è classe 2006, gioca titolare nel centrocampo del Paris Saint-Germain. Luis Enrique che è scuola Barcellona, dunque di quella stirpe che non guarda la carta d'identità ma il talento e la capacità di essere pronti davanti a sfide e passioni, non ha avuto dubbi sin dall'inizio. Zaire-Emery titolare, da capitano dell'Under 21, e giocatori con maggior esperienza come Fabian Ruiz e Carlos Soler e Danilo Pereira a guardarlo inventare meraviglie dalla panchina. 'Serve un rinforzo a centrocampo'. No, non lo sentirete dire, da Lucho, a Parigi, in relazione alla presenza del diciassettenne di Montreuil.

La dura realtà. I giovani delle italiane in Champions non sono giovani
Nell'Inter il 'giovane' è Davide Frattesi, ventiquattro anni, oppure Alessandro Bastoni è 'il futuro della difesa italiana', anche lui classe '99. Il Milan, che pure ha una delle rose più giovani e imberbi nell'Europa che conta, a centrocampo ha inserito nella ripresa due 'giovani' come il ventitrenne Yacine Adli e Tommaso Pobega, un anno più vecchio. Nicolò Rovella, alle nostre latitudini, è considerato un imberbe non pronto per giocare da titolare, in una grande, meglio mandarlo al Monza. Già, ma ha cinque anni (cinque!) più di Zaire-Emery, è un 2001, e giusto per capire ciò di cui stiamo parlando, ha solo un anno più di Phil Fode, Erling Haaland e Julian Alvarez e uno in meno di Josko Gvardiol del Manchester City. Il Napoli ha altrettanti over venti in campo, sebbene tra i titolari ci siano comunque diversi ragazzi, ma Giacomo Raspadori è un classe 2000, nello stesso girone il Real Madrid ha come suoi coetanei Rodrygo, VInicius e ancor più giovani, rispettivamente 2003 e 2002, Jude Bellingham ed Eduardo Camavinga. Il paragone, insomma, non regge. Ma per quanto sarà ancora così?

Siamo un paese per vecchi
Per quanto mancherà alle formazioni italiane il coraggio di credere nel talento, a prescindere dalla carta d'identità? Perché la Juventus ha questo incessante bisogno di trovare un difensore centrale che possa entrare da subito nel giro dei titolari, o anche un interno, o pure un trequartista, quando ha tre straordinari classe 2005 quali Dean Huijsen, Joseph Nonge e Kenan Yildiz? Qualche esempio sparso dalle Nazionali giovanili. L'11 settembre scorso l'Italia U19 ha perso contro i coetanei dell'Olanda. Nell'attacco degli Orange, Ezechiel Banzuzi che sta avendo il suo minutaggio con il Leuven in Belgio, sull'esterno Antoni Milambo che ha giocato e segnato anche in Eredivisie col Feyenoord. Negli azzurri nessuno con minutaggio in A o B. Saliamo di categoria? L'ultima Under 20. C'è qualcuno tra questi titolari in Serie A? Palmisani, Missori, Dellavalle, Fontanarosa, Angori, Terracciano, Amatucci, Pagano, D'Andrea, Montevago, Hasa. La risposta è scontata.

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile