Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw radio

De Biasi: "Lukaku avrà grandi stimoli. Skriniar? Se arriva Bremer sono simili"

TMW RADIO - De Biasi: "Lukaku avrà grandi stimoli. Skriniar? Se arriva Bremer sono simili"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
giovedì 30 giugno 2022, 20:38Serie A
di Niccolò Pasta

Intervenuto nel corso del pomeriggio di TMW Radio, durante la trasmissione 'A Tutto Mercato', Gianni De Biasi ha parlato della prossima Serie A e del mercato in corso: "Lukaku? Credo che abbia gli stimoli e una voglia di rivincita. Ha tutto per fare bene".

L'Inter perde Skriniar, che ne pensa?
"E' un giocatore che ha dimostrato di avere qualità, certo che se dovesse arrivare Bremer i due sarebbero molto simili".

Inter e Juve sono avanti nel mercato. Quale attacco la stimola di più?
"Bisogna aspettare la definizione delle trattative. Avere giocatori di qualità aiuta l'allenatore, ma non bisognerebbe mai dover aspettare l'uscita di un giocatore per acquistarne un'altro".

L'Inter è potenzialmente la squadra più forte subito dopo il Milan?
"A mercato chiuso potrei fare una valutazione più precisa".

Crede che il campionato italiano sia ancora interessante?
"Credo che il campionato italiano sia ancora un campionato affascinante. A livello tecnico non lo so, perché usciamo da tutte le competizioni. Ma c'è da dire che a livello economico non siamo all'altezza di altre nazioni".

Di Strakosha cosa ne pensa?
"Strakosha deve migliorare ancora un po', io credo che debba andar via dall'Italia per giocare con un po' di tranquillità. In Italia ci sono troppe pressione tra presidente allenatori e procuratori".