Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Una giornata non vale un campionato e il mercato è un problema (per tutti). Novità editoriale in arrivo…

Una giornata non vale un campionato e il mercato è un problema (per tutti). Novità editoriale in arrivo…TUTTO mercato WEB
mercoledì 23 agosto 2023, 06:00L'Angolo di Calcio2000
di Fabrizio Ponciroli

Felicità alle stelle, lo ammetto. Rivedere il pallone rotolare mi ha rasserenato. Nonostante il caldo asfissiante (l’estate più calda degli ultimi 80 anni, battuta ironica), mi sono goduto il ritorno al calcio giocato, seppur inflazionato da tanti fattori. Tutte le squadre sono “work in progress”, quindi non sono giudicabili. Il mercato condiziona le scelte degli allenatori e, purtroppo, anche il rendimento di alcuni giocatori. Lo dico da sempre: capisco l’importanza mediatica del calciomercato ma sarebbe preferibile cominciare la stagione agonistica a finestra di mercato conclusa. Chiaramente è un desiderio destinato a restare tale, anzi non mi sorprenderei se i giorni di contrattazione, in futuro, aumentino pure. Ricordo, per chi non lo sapesse, che il mercato in Arabia Saudita dura una settimana in più rispetto all’Italia, quindi altri giorni di passioni (da noi, per fortuna, l’1 settembre si concluderà il “periodo delle contrattazioni”). Ingerenza del mercato a parte, è stata una prima giornata di Serie A decisamente intrigante. Volendo ci sarebbe già materiale per discussioni bibliche. Dal rigore “generoso” alla Juventus alla rinascita di Arthur in viola, passando per il caldo impossibile di Sarri, la doppietta del redivivo Belotti, il miracolo di De Ketelaere e le doppiette di Osimhen e Lautaro Martinez… Bello, bellissimo. Discutere di calcio (in maniera rispettosa del punto di vista altrui) è favoloso. La Saudi Pro League potrà comprarsi tutti i campioni del mondo ma la passione (e la competenza) che abbiamo noi per il calcio è unica. Viviamo per il calcio, ne abbiamo bisogno per sopravvivere… Ecco, c’è un piccolo problema: siamo un po’ troppo frettolosi nei giudizi. Dopo una sola giornata di campionato, sembra che sia già stato tutto deciso.

Non è così. Non basta una buona prestazione per essere fenomeni e, d’altro canto, una brutta prova non significa dover essere bollati come bidoni per sempre. Un esempio per capirci: Charles De Ketelaere. E’ bastata un gol all’esordio con la casacca dell’Atalanta per incolpare Pioli di non averlo saputo utilizzare al meglio… Il belga non è mai stato scarso. Al Milan non ci sono degli improvvisati. Ha disputato una stagione negativa in rossonero, ha solo deciso di mettersi in gioco altrove per ritrovarsi. Stesso discorso per il duo Chiesa-Vlahovic. Ora tutti a ironizzare sul fatto che la società bianconera volesse venderli… E Sarri? Beh, Sarri, effettivamente, ha forse esagerato nel post match ma lungi da me metterne in discussione le qualità da allenatore sul campo… E potrei andare avanti a lungo. Credo ci voglia equilibrio. E’ stata una prima giornata spumeggiante ma è stata solo una prima giornata. Ci sarà tempo per giudicare… Godiamoci le partite, non guardiamo troppo avanti nel tempo.
Chiudo con una comunicazione che, credo, farà felici tanti appassionati di calcio. Calcio2000 sta per tornare in edicola. Maggiori info in arrivo sulle pagine ufficiali e sul mio profilo Facebook. Chiusa parentesi, buon calcio (giocato) a tutti!

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile