Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

L'Italia ora guarda al futuro. E il 3-5-2 si è dimostrato molto più di un'alternativa

L'Italia ora guarda al futuro. E il 3-5-2 si è dimostrato molto più di un'alternativa
© foto di www.imagephotoagency.it
martedì 27 settembre 2022, 11:53Serie A
di Tommaso Bonan

La Nazionale, trasfigurata dalle assenze eccellenti, ha ritrovato un’anima - sottolinea La Gazzetta dello Sport -, lo ha confermato anche a Budapest. Simbolo della nuova, umile, passione è Dimarco, ancora tra i migliori e autore del gol azzurro numero 1.500: un onore meritato. Di nuovo in rete Raspadori: 5° squillo in 15 match. L’Italia - continua La Gazzetta dello Sport analizzando il 2-0 ottenuto in Ungheria - non metteva in fila due vittorie dal luglio 2021 e due partite senza subire gol dal giugno 2021. Questi numeri danno il senso di una macchina che riparte. Merito di Roberto Mancini, che ha saputo soffiare su una brace quasi spenta e ha allargato le conoscenze tattiche della squadra: il 3-5-2 si è dimostrato molto più di un’alternativa. Ora, su queste basi etiche e tattiche, potrà impiantare i titolari che torneranno e progettare un futuro senza più brodini e con un po’ di caviale.

Primo piano
TMW Radio Sport