Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Le pagelle del Milan - Leao è devastante, Maignan spegne gli ultimi sogni azzurri

Le pagelle del Milan - Leao è devastante, Maignan spegne gli ultimi sogni azzurriTUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
martedì 18 aprile 2023, 23:07Serie A
di Gaetano Mocciaro
fonte inviato al "Diego Armando Maradona" di Napoli

Maignan 8 - Lo chiamano Magic Mike non a caso. Il rigore neutralizzato a Kvaratskhelia nei minuti finali indirizza la storia in favore del Milan. Semplicemente gigantesco nell'occasione. Il francese è l'esempio di quanto un portiere faccia la differenza.
Calabria 7 - Anche stasera partitone del capitano. Come sei giorni prima non molla Kvaratskhelia, gli sta addosso, lo anticipa e fa ripartire l'azione. Stoico.
Kjaer 7 - Quando si dice l'esperienza. Una stagione complicata per il danese che era salito in cattedra già nella notte di gala col Tottenham. Perfetto e pulito all'andata, si ripete anche stasera. Con una nota di merito in più: stavolta c'era Osimhen.
Tomori 6 - La sua partita è quasi perfetta, ma rischia di essere macchiata inesorabilmente da un mani che costa un rigore. Fortuna che c'è Maignan. Per il resto l'inglese si è distinto per la grande attenzione e la bravura nel gioco aereo.
Théo Hernandez 5.5 - Il duello con Politano lo stava perdendo. Non riesce a passare la metà campo, è costretto a rincorrere il numero 21.
Tonali 6.5 - Meno preciso del solito in fase d'appoggio ma di grande importanza in fase di contenimento.


Krunic 6.5 - Un grande cuore in campo. Sempre presente in copertura, aiuta raddoppiando e arginando gli attacchi napoletani. Per l'equilibrio della squadra si dimostra un giocatore sempre più importante.
Brahim Diaz 6.5 - Il Milan soffre il forcing del Napoli, lui è tra i primi ad avviare le ripartenze, sfruttando estro e velocità. Non pesca il jolly come all'andata, stavolta ci pensa Leao. Dal 59' Messias 5.5 - Incide poco.
Bennacer 6.5 - Tesse e cuce, parte trequartista ma si abbassa spesso e volentieri e pressare Lobotka e dare man forte al centrocampo
Leao 9 - Fa due cose nel primo tempo, tutte fondamentali: si procura un rigore e si inventa un coast to coast da vedere e rivedere che porta al gol di Giroud. Hombre del partido. Dall'84' Saelemaekers sv.
Giroud 6 - Il 6 marzo decise al "Maradona" una partita crocevia per la stagione di entrambe, col Milan che si avvierà a vincere lo Scudetto. Stavolta sembra una serata maledetta, calcia male un rigore e si fa ipnotizzare pochi minuti più tardi da Meret. Si rifà segnando il più facile dei gol, il cui merito è al 90% di Leao. Ma ha il merito di esserci sempre e comunque. E incidere ancora una volta nelle partite che contano. Dal 68' Origi sv
Allenatore Stefano Pioli 8 - Il Milan è la kryptonite del Napoli, lui prepara la partita perfettamente. La squadra fa esattamente la gare che doveva fare dimostrando di esaltarsi nelle grandi notte europee. Il suo giovane gruppo sta diventando grande e c'è la sua grande firma.

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile