Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

Salernitana, non solo Dia e Piatek. Ribalta internazionale anche per Dylan Bronn

Salernitana, non solo Dia e Piatek. Ribalta internazionale anche per Dylan BronnTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Nicola Ianuale/TuttoSalernitana.com
mercoledì 30 novembre 2022, 09:15Serie A
di Luca Esposito

Non solo Dia e Piatek. In casa Salernitana c'è stata una gran festa anche quando Dylan Bronn è stato convocato dalla Tunisia per disputare il mondiale qatariota. In difensore, fortemente voluto ad agosto dal direttore sportivo Morgan De Sanctis, ha garantito un rendimento soddisfacente soprattutto nella gara d'esordio contro la Danimarca ma ora dovrà fare gli straordinari e disputare la classica partita perfetta a cospetto dei campioni della Francia. Un bel banco di prova per un giocatore che è stato titolare a Salerno per buona parte della stagione alternando prestazioni più che valide a giornate assolutamente negative come quelle di Reggio Emilia e Monza. Tuttavia, pur senza strafare, Bronn ha dimostrato di poter essere un buon elemento per la categoria e senza dubbio la vetrina internazionale garantita dai mondiali gli consentirà di accrescere autostima e consapevolezza. E la Salernitana? In estate fu pagato 2,5 milioni di euro malgrado fosse reduce da una retrocessione, con ricco contratto pluriennale e una maglia da titolare già con la Roma. In pratica 48 ore dopo la firma. Oggi la sua permanenza non è assolutamente in discussione nonostante la proprietà, la dirigenza e lo staff tecnico siano ufficialmente alla ricerca di un altro difensore. Occhio anche alla concorrenza di Norbert Gyomber che, al rientro dopo l'infortunio, potrebbe tornare ad essere il padrone della retroguardia. Ma uno che sta disputando un discreto mondiale con una nazionale non certo di primissimo ordine avrà sicuramente il suo spazio. E, tra poche ore, tutto da seguire il duello con Giroud. Antipasto di ciò che vedremo all'Arechi il prossimo 4 gennaio.