Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCagliariEmpoliFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdineseVenezia
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCasertanaCesenaFrosinoneLatinaLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Salernitana, Sabatini sostituisce Fabiani. Sprint mercato: pronti cinque colpi

Salernitana, Sabatini sostituisce Fabiani. Sprint mercato: pronti cinque colpiTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
mercoledì 12 gennaio 2022, 09:15Serie A
di Luca Esposito

Esattamente 8 anni dopo il suo ritorno, Angelo Fabiani non è più il direttore sportivo della Salernitana. Nel tardo pomeriggio di ieri, il presidente Danilo Iervolino ha ribadito telefonicamente quanto detto nei giorni precedenti raggiungendo l'accordo per la risoluzione del contratto in scadenza a giugno del 2023. Lascia il dirigente più longevo e vincente della storia granata, con tre promozioni, una coppa Italia in bacheca e un ruolo da factotum che lo ha spinto a fungere da parafulmine e ad assumersi responsabilità che andavano ben oltre i suoi compiti. Come detto anche nei giorni scorsi, Fabiani ha avuto un ruolo importante quest'estate, quando era concreto il rischio di non essere iscritti al campionato ed è intervenuto in extremis assieme all'avvocato Silvia Morescanti sistemando la grana trust. "A Salerno dovrebbero dire grazie ad Angelo Fabiani, oggi la Salernitana è in serie A e credo che il suo lavoro vada elogiato sotto tutti i punti di vista" disse il presidente della FIGC Gabriele Gravina ad Agropoli in un convegno tenutosi qualche mese fa.

Sempre su indicazione dell'oramai ex ds è stata realizzata una struttura polifunzionale - il Mary Rosy - diventata nel tempo la vera e propria casa della Salernitana che, fino a pochi anni fa, per allenarsi era costretta a peregrinare in giro per la provincia senza avere punti di riferimento. E ancora il lavoro a fari spenti in seguito al famoso caso Foggia del 2019 e la gestione perfetta del gruppo in piena pandemia e con tantissime incognite legate al Covid. Elementi che avevano spinto Iervolino a valutare anche un ruolo differente rispetto al passato, almeno fino a giugno, ma poi è prevalsa la linea della discontinuità. Si spera che il nuovo patron abbia preso questa decisione per motivi esclusivamente tecnici e non condizionato dalle contestazioni della piazza che, per la verità, si sono consumate soprattutto a mezzo social. "Ma il gradimento per un professionista non si valuta per ciò che scrivono su facebook: i tifosi sono un'altra cosa e i risultati sono sotto gli occhi di tutti" ha detto in merito l'ex ds granata Giuseppe Cannella.

Ora, però, è tempo di guardare avanti e c'è da discutere anche del prossimo allenatore. Stefano Colantuono meriterebbe una chance, non fosse altro per aver accettato Salerno in un momento di grandissima difficoltà, senza una proprietà alle spalle, con una media di sette infortunati a partita e con la grana Covid che ha reso tutto ancora più complicato. La vittoria di Verona potrebbe spingere Sabatini quantomeno ad incontrarlo per un confronto, ma il futuro sembra segnato e se ne riparlerà dopo la sfida con la Lazio. Per la sostituzione si fanno i nomi di Gattuso, Giampaolo e Liverani che, in passato, ha già lavorato con il nuovo direttore sportivo e ha già dato una disponibilità di massima per un progetto pluriennale anche in caso di malaugurata retrocessione. Dopo la sfida di sabato (ironia della sorte Iervolino esordirà contro Lotito, in un Arechi purtroppo vuoto causa restrizioni e sciopero ultras), ci si concentrerà sul mercato e i nomi che circolano sono tantissimi. Per la porta si pensa a Sepe del Parma, che propone senza successo anche l'ex Sprocati. In difesa possibile il ritorno di Tiago Casasola, tra i protagonisti principali della promozione in A. Il terzino, corteggiato dal Cosenza, è stato portato in Italia proprio da Sabatini ai tempi della Roma ed è apprezzatissimo dal gruppo e dall'attuale guida tecnica. In quel caso Kechrida e Zortea potrebbero essere collocati altrove. Da Cagliari parlano di un sondaggio per Caceres, attualmente fuori rosa ma non più giovanissimo e con ingaggio elevato. In avanti tutto ruota attorno a Bonazzoli. L'attaccante ha segnato più di tutti e ha garantito un ottimo rendimento, ma ha giocato meno del previsto e la Sampdoria potrebbe riportarlo alla base. Piacciono sempre Falco e Pellegri, Perotti vorrebbe tornare in Italia e si sarebbe proposto a Sabatini.

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2022 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000