Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2020
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCagliariEmpoliFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdineseVenezia
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSports
esclusiva

Melli: "Milan ora consapevole della sua forza. Non vive più sulle spalle di Ibra"

ESCLUSIVA TMW - Melli: "Milan ora consapevole della sua forza. Non vive più sulle spalle di Ibra"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Federico De Luca
giovedì 13 maggio 2021 16:23Serie A
di Lorenzo Marucci

Alessandro Melli guarda la lotta Champions e analizza le possibilità delle squadre: "La Juve mi pare quella che rischi di più di restar fuori, questa è la sensazione guardando il calendario", dice a Tuttomercatoweb.com. Sul Milan invece, da ex rossonero, spiega: "Il bello del calcio è che non è una scienza esatta. Magari vedi una squadra in difficoltà e pensi che non si rialzi e invece poi, come il Milan appunto, fa due vittorie segnando 10 gol senza subirne. Niente è scontato. Poi ci sono anche le partite che ti fanno svoltare. Penso al Parma che col Cagliari vinceva 3-1 poi in due minuti i sardi hanno ribaltato il match e hanno preso il via verso la salvezza".

Ma per il Milan Ibra- che ora è fermo - è sempre fondamentale?
"Secondo me lo è stato all'inizio. Oggi può darti mano in certi momenti ma non è più determinante per la crescita della squadra. Il gruppo ha preso consapevolezza dei propri mezzi, non è più costretto a vivere sulla spalle di Ibra. Lo svedese gioca dieci-dodici partite a tempo pieno però la valutazione la può fare certamente meglio chi è dentro alla società".

Il Parma invece da che tecnico deve ripartire? Che caratteristiche deve avere l'allenatore?
"Dovessi scegliere punterei su un tecnico giovane e di prospettiva, che abbia idee moderne e esperienza ma non esagerata. E che abbia voglia di fare un calcio propositivo che non vuol comunque dire tutti all'attacco. Dionisi per esempio potrebbe essere una figura giusta. L'importante comunque è il presidente, è lui la garanzia. da lì vanno fatte scelte giuste. Darei più poteri a Lucarelli che ha avuto un ruolo troppo marginale per il valore della persona".

Che tipo di squadra dovrà esser costruita?
"Serve un mix tra gioventù e esperienza. Punterei su un 70% di ragazzi di prospettiva che conoscono il nostro campioanto e un 30% di esperti potrebbe essere un concetto giusto, soprattutto per Parma".

© Riproduzione riservata
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2021 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000