Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Mourinho chiede "giustizia" e aspetta i Friedkin. Ma intanto arriva la Fiorentina

Mourinho chiede "giustizia" e aspetta i Friedkin. Ma intanto arriva la FiorentinaTUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
domenica 10 dicembre 2023, 08:45Serie A
di Dario Marchetti

La vigilia di Roma-Fiorentina scivola via tra le domande a Mourinho su arbitri e futuro. La gara, però, rappresenta uno scontro diretto per la Champions con i giallorossi chiamati a vincere per sfruttare il passo falso del Napoli e allontanare la Viola. “Lottiamo per gli stessi obiettivi, lo dice la classifica”, è stato il commento dello Special One che per la prima volta dopo tanto tempo ha avuto un’intera settimana di lavoro con tutta, o quasi la squadra. Ai box restano Abraham, Smalling e Kumbulla (nonostante quest’ultimo migliori e punti alla convocazione con il Napoli), mentre Renato Sanches e Pellegrini “hanno fatto una buona settimana di lavoro”. Il sette giallorosso dunque dovrebbe riprendersi una maglia da titolare in mezzo al campo, con Mourinho che non si aspetta solo delle risposte dal suo capitano, ma anche dalla giustizia sportiva sull’indagine legata alle accuse all’arbitro Marcenaro e dalla proprietà per quanto riguarda il suo futuro. Ma andiamo con ordine perché venerdì lo lo Special One, accompagnato dall’avvocato Conte e dal general manager Tiago Pinto, è stato ascoltato, su sua richiesta, dal procuratore federale. “Mi aspetto giustizia”, ha commentato il tecnico che tende una mano alla procura quando dice di aver condiviso con Chiné come “gli allenatori non debbano parlare prima delle gare degli arbitri”, ma specificando anche come secondo lui la frase incriminata (“Marcenaro non ha stabilità emozionale”) non sia “un’offesa” perché “la uso anche per parlare del mio lavoro”. Non ritratta, invece, sulle accuse mosse a Berardi.

“Ho il diritto di dire certe cose e il dovere da allenatore di difendere il calcio da certi atteggiamenti (simulazioni, ndr)”, ha ribadito, parlando invece di “poca dignità” da parte del Sassuolo. “Con me non si sono lamentati delle frasi su Berardi - ha spiegato - Poi però lo hanno fatto dopo a mezzo stampa”. Insomma, la querelle sembra continuare, ma da tutta questa situazione l’allenatore giallorosso ha apprezzato il sostegno della società “che mi ha dato equilibrio emozionale prima della gara”. Nonostante questo, però, il futuro di Mourinho resta ancora un punto interrogativo. A Trigoria, ieri, c’erano Dan Friedkin e i suoi due figli che hanno incontrato l’allenatore, ma come in passato si è parlato solo del lavoro quotidiano. “Il rapporto è buono - ha concluso Mou - Ma se mi chiedete se si è parlato di futuro, allora vi dico di no”. E difficilmente se ne parlerà prima di anno nuovo.

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile