Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Rocchi e il rigore negato a Belotti: "Su Torino-Inter ho sbagliato io, volevo due arbitri top"

Rocchi e il rigore negato a Belotti: "Su Torino-Inter ho sbagliato io, volevo due arbitri top"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
martedì 24 maggio 2022, 12:10Serie A
di Ivan Cardia

Gianluca Rocchi, designatore degli arbitri di Serie A e B, in occasione della conferenza stampa di fine stagione dell'AIA ha fatto il punto sui campionati appena conclusi.

Quanto pesa la differenza tra le telecamere di Serie A e quelle di Serie B?
"Noi abbiamo avuto una base di 10-11 camere in B, credo sia sufficiente. Talvolta è anche meglio, perché delle telecamere in slow motion ti portano ad avere dei dubbi che altrimenti non avresti. È chiaro che con 25 camere lavori meglio. Non credo comunque che andare in B voglia dire essere declassificati, tra l'altro abbiamo ancora due gare importantissime e ho chiesto di arbitrarle al top. La B ha avuto un approccio diverso alla tecnologia, quello tipico della prima stagione: la domanda aumenta di anno in anno".

Spesso non si dà giallo per un fallo nei primi minuti, è d'accordo?
"Io mi arrabbio quando non fanno un giallo per un intervento robusto nei primi minuti. Poi se l'arbitro ha la personalità che serve e la partita glielo permette la può anche portare senza gialli fino al 70'".

Quando dice che qualcuno ha fatto tutto per crearvi problemi?
"C'è chi ci ha dato una mano e chi no, se ne prenderà la responsabilità".

Negli anni si sono ridotte tante polemiche, la linea di demarcazione fra rigore e non rigore resta.
"Torino (il rigore non concesso al Toro per fallo su Belotti, ndr) e Firenze (Karsdorp-Nico Gonzalez, ndr) sono due errori, lo abbiamo detto chiaramente. Ma anche dietro al monitor la possibilità di sbagliare c'è".

Su Torino-Inter e la specializzazione al VAR.
"Non è detto che un grande arbitro sia un grande VAR e l'idea è quella di specializzarsi, stiamo discutendo della possibilità di proporre al monitor una figura diversa, più specializzata e l'idea è quella. Anche la FIFA sta andando in quella direzione, dividendo da subito i due ruoli. Torniamo su Torino-Inter, io per un rigore ho perso nella fase finale della stagione Massa e Guida. È un errore mio, però in quel momento avevo messo due arbitri top in una partita con due ruoli diversi. Se avessi avuto un arbitro top in campo e uno meno al monitor avrei perso soltanto un top".

A che punto è il progetto di una squadra arbitrale specifica dedicata al VAR?
"Servirà qualche stagione sicuramente, anche perché dovremo attingere sui ragazzi che escono. Andranno formati bene e solo l'esperienza potrà dirci se sono adatti o meno a questo ruolo. Chiaro che per qualcuno che smette può essere l'apertura di una nuova carriera, con potenzialità infinite. Oggi abbiamo richieste da altre federazioni che ci chiedono VAR per altri campionati".