Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw radio

Bellinazzo: “Juventus, la procura si è concentrata sulla questione stipendi”

TMW RADIO - Bellinazzo: “Juventus, la procura si è concentrata sulla questione stipendi”TUTTOmercatoWEB.com
martedì 29 novembre 2022, 21:45Serie A
di Simone Bernabei

Piazza Affari con Cristiano Cesarini e Lucio Marinucci - Ospite: Marco Bellinazzo

Il noto giornalista Marco Bellinazzo è intervenuto durante la trasmissione Piazza Affari, in onda su Tmw Radio, per commentare così le dimissioni del cda della Juventus: “C’è l’attesa del rinvio a giudizio, passaggio comunque obbligatorio, dal quale riusciremo a capire qualcosa in più della situazione. Anche le misure cautelari che sembravano potessero essere richieste andranno rivisitate. Ricostruendo la vicenda si risale fino al famoso caso delle plusvalenze fittizie; la procura di Torino ha capito di non poter portare troppo avanti questa storia, data l’impossibilità di dare un’oggettività ai valori dei giocatori. Da quel punto la procura si è concentrata sulla questione stipendi. La Juventus affermò all’epoca del Covid di aver risparmiato 90 milioni, grazie alla rinuncia di alcuni giocatori. Ora bisognerà capire se la Juventus abbia contabilizzato questi stipendi o, come ritiene la procura, siano stati bilanci non inerenti alla verità. Il problema dei bianconeri sta nel fatto di aver annunciato un risparmio sapendo che invece avrebbe pagato tali emolumenti in futuro ai propri calciatori.
All’interno del cda c’è stata una diversità di vedute, perché una parte di consiglieri ha accertato di non approvare determinate condizioni, anche per mancanza di competenza tecnica. Anche all’epoca dello scandalo di Allegri ci fu un cambio dal ramo di Umberto Agnelli. Anche oggi sembra esserci un passaggio di consegne, con il timone che passa nuovamente al filone di Gianni Agnelli. Per quanto riguarda il caso plusvalenze ci sono aspetti che potrebbero far scattare delle misure, come penalizzazione. Ci sono state in ogni caso inchieste anche per altre squadre, come la questione plusvalenze dell’Inter, che però è stata archiviata”.