Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Fino a quando l’Inter ascolterà offerte per Dumfries e Skriniar?

Fino a quando l’Inter ascolterà offerte per Dumfries e Skriniar?TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
mercoledì 3 agosto 2022, 08:00Il corsivo
di Ivan Cardia

Caccia al tesoretto, ma senza troppa fretta. L’Inter, si sa, ha l’obiettivo di un attivo da 60 milioni di euro. Da realizzare entro il 30 giugno 2023, ecco spiegato perché non è necessario tagliare il traguardo sin da subito. L’ideale, per evitare una rincorsa a fine campionato, sarebbe dividere il gruzzolo: +30 oggi, +30 a giugno dell’anno prossimo. Non semplicissimo, ma da questo punto di vista le trattative in uscita per Pinamonti e Casadei, ricchi corollari di un mercato che verte su altri nomi, possono aiutare. Il grosso, inevitabilmente, dovrà arrivare da un big. Ma andiamo con ordine.

Sanchez, Pinamonti, Casadei. Le negoziazioni più calde, al momento, sono queste. L’addio del cileno, che sarà definito nelle prossime ore, non è propriamente un affare ma consente alla società di viale della Liberazione un discreto risparmio sul tetto ingaggi. L’attaccante di Cles continua ad aspettare l’Atalanta e stuzzica il Sassuolo: dato che la Salernitana garantiva 20 milioni e la ricompra, quelle sono le condizioni a cui Marotta e Ausilio intendono chiudere l’affare. Il giovane centrocampista è in realtà il tema più delicato: c’è il Chelsea, e quindi l’Inter ha alzato la richiesta rispetto a qualche settimana fa. Quanto al tema ricompra, i nerazzurri vogliono assicurarsela per evitare nuovi casi Zaniolo. Resta un dubbio: se oggi l’Inter avesse fissato per un suo giocatore una ricompra da 25/30 milioni, non potrebbe pagarla. Andiamo avanti.

Fino a quando potrà ascoltare offerte per Skriniar e Dumfries? A dieci giorni dall’inizio del campionato, a meno di un mese dalla fine del mercato, inizia a essere un tema. Fin qui, i nerazzurri sono stati molto chiari: anche in una situazione economica non idilliaca, i giocatori hanno un prezzo. Nel caso dello slovacco, una posizione ulteriormente irrigidita dall’impossibilità di puntare ormai sul sostituto preferito, cioè Bremer. L’altro, Milenkovic, a breve “rischia” di accasarsi alla Juventus, togliendo un’ulteriore opzione e rendendo ancora più stringente la questione del tempo. Quanto all’olandese, situazione leggermente diversa, perché Dumfries è sì un fattore ma forse meno rispetto a Skriniar. Però anche in questo caso trovare un erede non sarebbe così semplice e immediato. Marotta aveva promesso a Inzaghi una squadra pronta e completa ben prima dell’inizio del campionato: per ora, al netto del post-Ranocchia, missione compiuta. Una cessione last minute la rimetterebbe in discussione: la domanda è quando scadrà questo ultimo minuto.