Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Cremonese, il ds Giacchetta sulla stagione: "La Serie A un'emozione, in arrivo cinque ufficialità"

Cremonese, il ds Giacchetta sulla stagione: "La Serie A un'emozione, in arrivo cinque ufficialità"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Federico De Luca
lunedì 4 luglio 2022, 13:36Serie A
di Lorenzo Coelli

Inizia la stagione 2022-23 in casa Cremonese. Mentre i giocatori grigiorossi si sono radunati per le visite mediche e i test di rito, nella sala stampa del Centro Sportivo Giovanni Arvedi il direttore sportivo Simone Giacchetta ha presentato così l'annata: "Buongiorno a tutti, partire per la Serie A 2022-23 è una grandissima gratificazione che voglio condividere con ambiente e tifosi. Mercato? Ufficialmente è iniziato pochi giorni fa, ma la Cremonese è una delle squadre che si è mossa di più. Oggi abbiamo rivisto con piacere i ragazzi della scorsa stagione, con cui abbiamo condiviso grandi emozioni"

Il mercato ha aperto due giorni fa, ma ci sono tante operazioni da fare per costruire una rosa competitiva
"Sì, ma la Cremonese si presenta a questa stagione sportiva con dei posti vuoti conseguenza delle scelte degli anni precedenti e della scorsa stagione. Contiamo di uno zoccolo duro che potrà essere mantenuto o ridotto in base alle esigenze della categoria. Andrà integrato con calciatori validi, il tempo c’è anche se non tantissimo. Le dinamiche di mercato al momento vanno a rilento, le società che hanno fatto movimenti siamo tra quelle che ne hanno fatti di più. Non basta, è ovvio, abbiamo caselle da riempire"

Zanimacchia era presente al Centro Sportivo. Quanto manca per l’ufficialità del suo ritoro?
"Si tratta di un’operazione che abbiamo portato a termine con la Juventus. La Cremonese ha voluto fortemente riconfermarlo, domani ci sarà l’annuncio. Si tratta di un’operazione a titolo definitivo, anche se la formula è un prestito con obbligo di riscatto. Fa parte della rosa della Cremonese in Serie A e sarà un patrimonio del club"

Gaetano del Napoli resta un obiettivo?
"Tanti ragazzi sono rientrati alla base, tutti hanno fatto bene e quindi sono oggetto di osservazione da parte dei club proprietari e non solo. Con tutti abbiamo un rapporto splendido e questo ci piace sottolinearlo. Si devono sposare le loro ambizioni, le nostre e le esigenze del club. Abbiamo grande stima ei confronti di tutti, ma dobbiamo vedere cosa succede nei prossimi giorni"

Dal 1° luglio molti giocatori sono svincolati: li state tenendo d'occhio?
"No, al momento l’attenzione è stata riposta sui giovani che oggi più che mai sono ricercati. Con Braida abbiamo visto che di giocatori italiani ce ne sono pochi, questo sarà un interrogativo che anche il sistema calcio si dovrà porre. Per questo abbiamo cercato di lavorare prima su questo, per fare in modo che avviino un percorso con la Cremonese"

Avete stabilito una scadenza entro la quale avere la rosa quasi al completo?
2La squadra parte in ritiro il 20 luglio e ci piacerebbe, entro quella data, dare qualcosa al mister. Il tempo c’è ma non è semplice concretizzare operazioni. Ci sono tante esigenze da soddisfare, bisognerà portare pazienza e lo sapevamo. È uno scotto che bisogna pagare, prima riusciremo a dare materiale all’allenatore meglio è"

Oltre a Zanimacchia, anche Sernicola e Ndiaye erano al Centro Sportivo questa mattina
"Attendiamo la formalizzazione dei loro accordi. C’è anche Milanese, è un ragazzo interessante. Hanno fatto intravedere tutti qualcosa e hanno potenziale, Sernicola lo conosciamo e abbiamo definito con il ragazzo e l’agente, siamo ai dettagli anche con il Sassuolo. Ndiaye è un’opportunità che si è creata, è un difensore che in Primavera ha fatto molto bene ed entrerà nella Cremonese, poi l’allenatore farà le sue valutazioni. Abbiamo preso anche Tenkorang, centrocampista che si è messo in evidenza con il Campobasso. Sono operazioni che servono per recuperare qualche calciatore"

Trattativa in dirittura d’arrivo per Radu?
"Si, abbiamo l’accordo con il ragazzo e con l’Inter, deve definire le ultime cose con la società ma credo che a breve potremmo vedere anche lui al Centro Sportivo"

Ci sono stati passi in avanti per Calafiori e Agoumé?
"Non ci sono novità, sono due giovani che apprezziamo noi e molti altri, vedremo se ci saranno evoluzioni"

Come dice Pantaleo Corvino, nel calcio è fondamentale non sbagliare portiere e attaccante. Radu è in arrivo, in avanti cosa farete?
"Per restare in Serie A bisogna sbagliare il meno possibile. Gli attaccanti fanno un mercato a parte, ce ne sono pochi in generale e sono merce rara. Dovremo vedere bene quali sono le opportunità che il mercato ci offre. La Cremonese in Serie A è una piazza importante, ma ci sono giocatori che ambiscono a qualcosa di più ambizioso. Dobbiamo cercare il profilo giusto che venga qui con grande ambizione"

Forse è meglio guardarsi all’estero…
"Il mercato estero è una valida alternativa, non a caso in Serie A giocano tanti stranieri. Magari all’estero l’Italia è vista ancora come un campionato top, di formazione e di passaggio piuttosto che di arrivo. Oggi qui arrivano ragazzi del 2000 e del ’99 in cerca di una formazione di livello"

Numericamente l’attacco è il reparto più folto. Prima di tutto si lavorerà alle uscite?
"Adesso dobbiamo pensare a prendere calciatori per il campionato e per le caratteristiche che vogliamo dare alla squadra. In rosa ci sono tanti giocatori che in B hanno fatto bene e saranno oggetto di valutazione da parte dello staff tecnico. Era doveroso presentarli al mister, ovviamente per creare un gruppo competitivo bisognerà sfoltire e accogliere altri giocatori"

Novità su Okoli? Potrebbe tornare?
"Pare che non sia diretto alla Salernitana per l’affare Ederson, quindi andrà in ritiro con l’Atalanta e sarà oggetto di valutazione con loro. La volontà dei ragazzi nei nostri confronti è chiara, se dovesse esserci uno spazio per riaverli faremo di tutto perché sia così"

A che punto è la trattativa per Chiriches?
"Ci siamo rivolti a lui e al Sassuolo per dare esperienza e caratura alla squadra, è un giocatore internazionale, capitano della Romania e pensiamo possa fare il centrale di difesa a tre. Con il Sassuolo abbiamo raggiunto l’accordo e in linea di massima anche con il calciatore, che sta valutando alcuni dettagli personali. Siamo in attesa di questo"

La difesa è il reparto maggiormente ritoccato sin qui.
"Volevamo partire dalla difesa per dare modo all’allenatore di lavorare dal punto di vista difensivo, ci siamo proiettati in quella direzione. Vasquez e Chiriches sono obiettivi che avevamo sin dall’inizio"

Una delle principali sfide di mister Alvini potrebbe essere il cambio di prospettiva a livello difensivo.
"È un modo di stare in campo diverso, più sui riferimenti e meno sulla linea. Dobbiamo trovare ragazzi volenterosi, con buon fisico e voglia di fare, che siano pronti a affrontare questo percorso. Cerchiamo aggressività e velocità difensiva"

La parola passa al consulente strategico Ariedo Braida
"In questo mercato girano pochissimi soldi, se noi prendiamo i bilanci delle società si vede che tutti perdono tantissimo. Il mercato è difficile, complicatissimo. Per qualsiasi operazione servono settimane, mesi e poi rischi di non concludere nulla perché c'è sempre qualche impedimento. Ci sono anche pochi giocatori, soprattutto italiani".