Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Monza all'esordio in A, Stroppa scherza: "La serenità non c'è, ma è bellissimo essere qui"

Monza all'esordio in A, Stroppa scherza: "La serenità non c'è, ma è bellissimo essere qui"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
venerdì 12 agosto 2022, 14:37Serie A
di Tommaso Bonan

"Le sensazioni? La serenità non c'è (ride, ndr)... A parte le battute, è bellissimo pensare al percorso fatto e che ci ha portato qui. Cercheremo di mandare in campo la miglior squadra possibile, cercando di fare al meglio delle nostre possibilità". Parla così in conferenza stampa il tecnico del Monza, Giovanni Stroppa, alla vigilia dello storico esordio in Serie A contro il Torino.

Che squadra è il Torino? "E' una partita difficile, vedremo se avranno a disposizione i loro acquisti. Juric mi piace, lo stimo molto, fa lavorare bene le sue squadre in campo. Sarà una partita fisica, di duelli, dovremo essere bravi a fare le nostre cose e a regalare il meno possibile".

Una considerazione sulla stagione in generale. "L'atteggiamento non dovrebbe cambiare, nonostante le avversità del campionato, che sono fisiche e tecniche. La Serie A è un altro sport proprio per queste qualità che mette in mostra. Noi cercheremo di portare in campo le nostre idee e le nostre caratteristiche in considerazione anche degli avversari. In questo momento mi piace premere sull'aspetto che siamo ancora in costruzione, stiamo costruendo una squadra molto competitiva. Mi piace il mercato che sta facendo la società, siamo leggermente in ritardo ma mi piace quello che stiamo facendo".

Nella testa di Stroppa c'era un Monza così cambiato? "Chiaro che un allenatore vorrebbe sempre avere una squadra completa all'inizio della stagione, questo non è possibile. Ci sono due mesi di mercato per fare le squadre, ma di questi due mesi, uno è anche di campionato. Quindi per tutti quanti è anomalo. Stiamo cercando di fare la squadra più competitiva possibile. So che campionato andrò a fare, ma realizzerò tra qualche anno quando allenerò da qualche altra parte o farò il pensionato. Ora è passato troppo poco tempo da quanto fatto nella scorsa stagione".

Icardi può essere l'attaccante ideale per completare il reparto? "Su quelli che dovranno arrivare non penso che debba parlare io".

Pablo Mari e Petagna? "Sono contento di loro due, vengono a dare esperienza e quella fisicità che serviva. Vediamo che cosa succederà, sono molto più soddisfatto rispetto a qualche settimana fa".

Quali sono gli obiettivi della stagione? "Abbiamo l'ambizione di salvarci. E con questo non voglio andare contro quelle che sono le volontà di Galliani e del presidente, a me interessa il campo. Vediamo le risposte che darà, ma io ad ora non posso andare oltre a quello che il primo obiettivo di mantenere la categoria".

Ha già scelto il portiere per domani? "Vi lascio il dubbio fino all'ultimo. Devo dire che ho due ma anche tre portieri molto forti, anche Sorrentino è giovane ma è un ottimo elemento. Sia Di Gregorio che Cragno li considero dei fuoriclasse, hanno qualcosa in più".

Un parere su Sensi. "Mi sembra molto motivato, e questo è fondamentale. C'è stata una programmazione di lavoro per metterlo in condizione di migliorare. Non è ancora al top per fare "il Sensi". A prescindere da questo, per me fa un altro sport, ha delle giocate e intelligenza calcistica superiori. Mi auguro non abbia più intoppi fisici