Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

Sassuolo, Dionisi: "Il Milan si merita quello che ha fatto fino ad oggi, noi vogliamo arrivare a 53"

Sassuolo, Dionisi: "Il Milan si merita quello che ha fatto fino ad oggi, noi vogliamo arrivare a 53"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
domenica 15 maggio 2022, 15:03Serie A
di Pietro Lazzerini

Alessio Dionisi, allenatore del Sassuolo, ha parlato al termine della vittoria per 3-1 contro il Bologna al Dall'Ara: "Oggi ci sono tantissime cose positive. Serviva uno sforzo mentale e l'abbiamo fatto. non meritavamo di concludere male un campionato positivo. Volevamo fare più unti dell'andata e ora cercheremo di onorare al meglio il campionato. Sono contento dell'atteggiamento della squadra ma anche del risultato, anche ricordando il risultato dell'andata dove non eravamo stati fortunati", ha detto a Sky.

Ha avuto anche la capacità e l'intuizione di cambiare qualcosa nel corso della gara per vincere?
"Noi giochiamo particolarmente offensivi. Ci sono poche squadre che giocano con 4 attaccanti, per questo oggi per coprirci di più siamo passati a tre. Nel primo tempo abbiamo fatto molto bene e siamo passati in vantaggio su una palla inattiva. Siamo stati bravi e fortunati nel sbloccare la partita e poi a giocare. Abbiamo giocato, concluso e finalizzato. Ho visto i numeri statistici e siamo una squadra che gioca, oggi abbiamo avuto meno possesso palla ma perché ci siamo adattati bene alla partita e questo è importante.

Avete calciato molto verso la porta avversaria.
"Abbiamo molti tiratori e giocando con tanti calciatori offensivi devi chiudere l'azione per non fa ripartire l'avversario".

Sarete arbitri dello scudetto: è una responsabilità o un'emozione?
"Sinceramente non ci preoccupa per niente. E' stimolante. Vogliamo finire bene e cercheremo di onorare il campionato fino alla fine. Sappiamo qual è la valenza della partita per il nostro avversario e noi siamo solo più motivati da questo, anche perché lo stadio sarà pieno come poche altre volte in stagione. Che vinca il migliore, che probabilmente è il nostro avversario, ma noi ci proveremo perché vogliamo finire al meglio il campionato. Il rischio di non fare bene contro il Milan ci sarà. Il Milan si merita quello che ha fatto fino ad oggi, noi faremo di tutto per arrivare a 53 e invertire il pronostico".

Sapeva già tutto prima di arrivare in A o ha imparato qualcosa?
"Gli allenatori incidono alle volte anche meno di quello che si vede. Ci vuole coraggio per farli giocare tutti, infatti prendiamo tanti gol e dobbiamo migliorare in questo. Se all'inizio mi avessero detto che alla 37a avremmo raggiunto questo risultato, ci avrei messo la firma".

Quale sarà il suo messaggio alla squadra in vista del mercato?
"Io mi adeguo e condivido la linea societaria. Chi ha motivazioni è bene che rimanga, ma se le sirene esterne sono importanti è anche giusto che vadano perché non gli tarpa le ali. Dobbiamo dare continuità, è normale che se una rosa riparte con tutta la rosa è più facile arrivare a dei risultati. Però è una ripartenza con giocatori nuovi, con qualcuno che ha giocato poco, qualcuno ha avuto tempo di crescere, noi facciamo il massimo per risaltare le qualità, ma è chiaro che difficilmente rimarranno tutti. A me piacerebbe che succedesse questo, però non ci sono problemi la società farà il meglio per la squadra".

Verrà acquistato da un'altra squadra?
"Lo prendo come un complimento e non mi sento di dire altro. Sto bene dove sono, ho ringraziato Carnevali in conferenza. Io devo solo cercare di mettere la squadra in condizione di far bene".