Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

Sassuolo, la vetrina Mondiale di Erlic: alla ricerca della consacrazione per poi spiccare il volo

Sassuolo, la vetrina Mondiale di Erlic: alla ricerca della consacrazione per poi spiccare il voloTUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
giovedì 24 novembre 2022, 09:15Serie A
di Antonio Parrotto

Martin Erlic a Sassuolo si è riambientato subito. Dopo aver conquistato la maglia della Nazionale in estate, con le sfide di Nations League anche contro la Francia di Mbappé, mentre era già programmato il suo ritorno in neroverde dallo Spezia per 3,5 milioni, il difensore centrale classe '98 portato in Italia da Francesco Palmieri, attuale responsabile del vivaio degli emiliani, che andò personalmente fino in Croazia, è l'unico giocatore del Sassuolo convocato al Mondiale in Qatar e Dionisi ha già detto che farà il tifo proprio per i croati. Ieri Martin è rimasto in panchina per tutta la sfida, guardando i suoi pareggiare per 0-0 contro il Marocco. Dalic ha scelto il mix tra gioventù ed esperienza formato da Gvardiol, uno dei difensori più promettenti d'Europa, e Lovren.

Le umili origini e la scalata: da Tinj al Mondiale
Per Martin Erlic non sarà facile ritagliarsi uno spazio ma dopo essere partito veramente dal basso. Come ha raccontato lui stesso infatti: "L’abitazione dei miei era stata distrutta da una bomba, così si erano sistemati nella stalla dove tenevano gli animali. Lì sono nato io, in mezzo alle galline e ai maiali. Ci siamo rimasti per due o tre anni, prima che, mattone dopo mattone, papà ricostruisse la nostra casa. Vengo da una famiglia di contadini". Martin Erlic è uno che ne ha viste e affrontate tante. Ha fatto la Serie C con il Sudtirol, la B e la A con lo Spezia e quest'anno è tornato a Sassuolo per cercare, insieme alla vetrina Mondiale, la consacrazione per fare poi l'ultimo grande passo.

Alla ricerca della consacrazione
Lui ha dichiarato di non pensarci e di non avere fretta ma le big, soprattutto alcuni club stranieri, gli hanno già messi gli occhi addosso. È arrivato alla corte di Dionisi, per sua stessa ammissione, per aiutare la squadra ad abbassare il numero dei gol presi. Una missione che nella prima parte di stagione ha portato il Sassuolo a 5 clean sheets (4 sono arrivati con lui in campo, solo a Torino non era presente). Poi nella seconda parte la flessione, anche lo stesso Erlic nelle 10 presenze totali è stato risucchiato nel vortice con qualche errorino, ma le sue prestazioni tutto sommato restano positive. E ora vuole continuare a salire altri gradini: tutto però passa dal Mondiale e dalle prove con il Sassuolo.

Primo piano
TMW Radio Sport