Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw radio

Milan, l'ex Giunti: "Maldini e Massara avrebbero meritato una conferma molto prima"

TMW RADIO - Milan, l'ex Giunti: "Maldini e Massara avrebbero meritato una conferma molto prima"TUTTOmercatoWEB.com
lunedì 27 giugno 2022, 18:20Serie A
di Tommaso Bonan

L’allenatore ed ex calciatore Federico Giunti è intervenuto per parlare della situazione del Milan ai microfoni di TMW Radio, nel pomeriggio di "A Tutto Mercato":

Il Milan è un po’ bloccato rispetto a Inter e Juventus?
“Inter e Juventus sono le uniche che stanno facendo qualcosa, ma non è solo il Milan ad essere leggermente bloccato. Probabilmente il ritardo è stato dovuto anche all’arrivo della nuova società. Per giocare una stagione a livelli molto alti servirà qualcosa oltre all’acquisto di un centravanti”.

Botman andrà al Newcastle, il Milan sta dirottando le priorità su altri ruoli?
“Credo che la priorità sia trovare il sostituto di Kessiè. La politica del Milan degli ultimi anni è stata chiara. Maldini e Massara hanno avuto il coraggio di prendere determinate decisioni senza dover spendere grandi cifre, cosa che alla fine ha pagato. Il reparto difensivo per dire è esploso proprio quando è venuto a mancare Kjaer. L’esplosione di Kalulu è stata incredibile, doveva solo essere utilizzato di più. Lui e Tomori sono rapidi, forti di testa, perfetti per il gioco di Pioli. Sono convinto che Maldini e Massara avranno la capacità e la fortuna di potere costruire bene. avrebbero meritato una conferma molto prima”.

Adli dove lo vedresti nello scacchiere di Pioli?
“È un giocatore tutto da scoprire. Sembra abbia una propensione più offensiva. Potrebbe giocarsela per il ruolo anche dietro la punta”.

Che ne pensi dell’arrivo di Origi?
“È vero che lo score della carriera lascia un po’ a desiderare, ma bisogna considerare che il Milan è andato a segno con tanti uomini nel corso di questi ultimi anni”.

Quali sono le peculiarità di Pioli che hai riscontrato nel passare del tempo con lui?
“Ha sempre impostato le partite senza badare troppo alle peculiarità dell’avversario. Ciò che mi ha stupito è stata l’empatia che ha creato all’interno del gruppo, che alla fine ha portato a vincere”.

Giovani nella Primavera del Milan che potrebbe esordire in Serie A?
“Stefano li ha osservati tutti, ha le informazioni necessarie su tutti per poter decidere di far compiere il salto a qualcuno”.