Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

L'annuncio di Giroud: "Addio alla Nazionale. Viviamo a 200 all'ora: penserò alla famiglia"

L'annuncio di Giroud: "Addio alla Nazionale. Viviamo a 200 all'ora: penserò alla famiglia"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
mercoledì 10 luglio 2024, 10:12Euro 2024
di Daniele Najjar

Un finale triste per un grande campione come Olivier Giroud: ieri sera, l'ormai ex attaccante del Milan, ha disputato la sua 137 partita con la maglia dei Bleus, annunciando poi che si trattava anche della sua ultima apparizione in Nazionale. Ora lo attende una nuova fase della propria carriera e della propria vita, con gli Stati Uniti come nuova frontiera.

Ecco le sue parole a L'Equipe: "Quando si fa una scelta del genere (firmare per giocare negli Stati Uniti), è anche per potersi godere un po' di più la famiglia. Viviamo a 200 all'ora, non abbiamo molto tempo per la famiglia. Ci sono molte gare nella stagione e mi sembra complicato. A dire il vero devi dirvi che questa è stata la mia ultima gara con i Blues. Ovviamente mi mancherà molto, ma penso che la squadra francese finirà dopo gli Europei.

Questo Europeo, Giroud lo ha vissuto come rincalzo di Kylian Mbappé, Marcus Thuram o Randal Kolo Muani. Si è così accontentato di quattro presenze contro Austria (1-0), Olanda (0-0), Polonia (1-1), poi contro la Spagna (1-2) dopo aver assistito dalla panchina all'ottavo contro il Belgio (1 -0) ed i quarti contro il Portogallo (0-0, 5 a 4 dopo i rigori) dove il suo ingresso previsto prima dei calci di rigore è poi stato annullato.

Su di lui si è espresso anche il ct Deschamps: "È deluso come tutti i giocatori", ha spiegato. "Olivier c'era dall'inizio, è l'ultimo rimasto. C'era nella prima partita contro l'Uruguay a Le Havre (0-0, amichevole, il 15 agosto 2012 durante la prima partita di Deschamps in panchina, ndr). Ha avuto periodi così difficili, in cui anche lui non è stato efficiente, il che non ci ha impedito di diventare campione del mondo. È un esempio di longevità, serietà, professionalità anche se in questo Europeo ha giocato meno. Lo ringrazio".

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile