Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

Giacomo Raspadori sia da esempio per tutti i giovani (talentuosi) calciatori italiani

Giacomo Raspadori sia da esempio per tutti i giovani (talentuosi) calciatori italianiTUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
sabato 24 settembre 2022, 08:00Il corsivo
di Raimondo De Magistris
fonte Dal nostro inviato a San Siro (MI)

Mettersi in difficoltà. Testa sulle spalle per costruire una carriera da sogno. Da protagonista. Uscire dalla comfort zone per alzare l'asticella e competere, davvero, contro tutto e tutti. Senza aver paura degli avversari e della maglia che si indossa. E' il senso ultimo della scelta operata la scorsa estate da Giacomo Raspadori. L'ha detto lui stesso martedì a Coverciano quando gli è stato chiesto perché questa estate - quando il Napoli l'ha chiamato - non ci ha pensato due volte a dire sì, ad accettare una squadra dove nulla gli è dovuto e tutto è da guadagnare: "Era quello che cercavo. Pur essendo giovane volevo mettermi in difficoltà, per il mio percorso era importante".

Una scelta dettata della volontà di migliorarsi, dall'esigenza di alzare l'asticella per diventare un fattore anche quando l'azzurro cambia gradazione e la maglia è quella della Nazionale. Ieri l'ha vinta lui, con la sua giocata. E ieri non era affatto semplice con una squadra con 10 e più assenti e con la 10 sulle spalle. Nella prima ora di gioco quella maglia sembrava troppo pesante: c'era sempre l'applicazione, la volontà di pressare gli avversari e cercare la giocata risolutiva. Sembrava mancasse solo la giusta lucidità negli ultimi 30 metri ma poi cosa vuoi dirgli? L'aggancio è stato sublime, il tiro a giro col destro quando Walker pensava di averlo stanato una perla.

Contro l'Inghilterra, nel momento più difficile, l'Italia si è ridata una prospettiva grazie a Giacomo Raspadori. Un 22enne dalla faccia pulita, educato, che fa parlare di sé solo in campo. Che non si accontenta e sembra già sapere perfettamente la strada da seguire, ciò che davvero può aiutarlo a migliorare come uomo e come calciatore. Un ragazzo talentuoso che ha capito fin da ragazzino che quel talento può diventare nulla se non lo coltivi, non lo stimoli. Se non aggiungi ogni giorno un tassello. Un esempio per tutti i giovani calciatori italiani: per la professionalità, per come si sta costruendo la carriera.