Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
esclusiva

Provedel entra nella storia, Taibi: "Sembrava Immobile. E già a Modena era moderno"

ESCLUSIVA TMW - Provedel entra nella storia, Taibi: "Sembrava Immobile. E già a Modena era moderno"TUTTO mercato WEB
mercoledì 20 settembre 2023, 12:45Serie A
di Tommaso Bonan
fonte Niccolò Ceccarini

"Cosa ho pensato? Che questo è un bomber... è la seconda volta che lo fa!". Le parole sono di Massimo Taibi, ex portiere e attuale dirigente sportivo - che in esclusiva ai microfoni di Tuttomercatoweb.com commenta il gol di Ivan Provedel che ieri sera ha regalato alla Lazio il pareggio in Champions League contro l'Atletico Madrid. Una rete storica, come la definisce Taibi che già faceva parte della stretta schiera di numeri uno capaci di andare a segno durante la carriera (nel lontano 2001 con la maglia della Reggina contro l'Udinese, ndr); "Per tutti i portieri che hanno fatto un gol in carriera si tratta di un caso - continua Taibi -, ma lui già ne aveva fatto uno con la Juve Stabia e lo ha fatto anche ieri".

Taibi racconta gli inizi di Provedel. "Io l'avevo preso al Modena, arrivava dal Chievo, era già un portiere moderno e giocava con i piedi. Fino a 15-16 anni giocava in attacco, quindi la predisposiozione l'ha sempre avuta. E' sempre stato moderno e adesso è avvantaggiato, bravo tecnicamente e bravo anche in porta".

Cosa avrà pensato Provedel al momento del gol?
"Mi è venuto in mente il mio gol e la gioia che provai, chi l'ha già fatto una volta non pensa mai di fare il secondo... Poi in una partita di Champions, in una gara fondamentale perché la sconfitta alla Lazio avrebbe creato qualche problema".

Provedel ha segnato all'esordio in Champions, in pieno recupero e sotto 1-0: una serie di coincidenze pazzesche. "Soprattutto col ko sarebbe arrivata la quarta sconfitta in cinque gare, avrebbero aperto un caso anche se la Lazio non meritava di perdere. Invece il suo gol ha chiuso questa mini-emorragia, perdere non sarebbe stato il massimo".

Cosa ti ha impressionato del gesto? "Abbassa la testa per metterla dentro, ha fatto un movimento da attaccante vero, si è buttato nello spazio con un movimento sincronizzato, sembrava Immobile....La palla di Luis Alberto è arrivata lì perché lui c'ha creduto".

Provedel si sta conquistando tutto quello che merita. "Ripeto, l'ho avuto a Modena (nella stagione 2015-2016) e già ai tempi si parlava di un portiere di prospettiva, con noi non fece benissimo però si intravedevano le potenzialità. Me lo ricordo come un lavoratore, un ragazzo meticoloso, e si sta meritando la carriera che sta avendo. Non era facile andare alla Lazio e fare il titolare, ha conquistato anche la Nazionale e ieri ha fatto parate che hanno salvato la partita della Lazio".

© Riproduzione riservata
Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile