Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

I giovani portieri più forti secondo Consigli: "In Under 21 c'è un bel trio. Di Gregorio mi piace"

I giovani portieri più forti secondo Consigli: "In Under 21 c'è un bel trio. Di Gregorio mi piace"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
giovedì 29 settembre 2022, 19:45Serie A
di Pierpaolo Matrone

Bella chiacchierata, anche sul ruolo del portiere e sui giovani esponenti del ruolo più interessante, tra Andrea Consigli e il microfono di Dazn: "Vicario ha fatto bene, mi piace Di Gregorio, ma tra i giovani mi piace Carnesecchi. C'è un bel trio in Under 21: Carnesecchi, Turati che ha tutto per diventare un gran portiere, e Caprile con il Bari sta facendo bene. Ero sicuro che Polito, che è stato tanti anni con me, non avrebbe sbagliato il portiere".

Leadership?
"Secondo me è una roba molto naturale, ognuno ha una sfumatura diversa: ci può essere quello silenzioso, quello più presente, quello che si fa sentire. Io ho avuto Doni all'Atalanta, Magnanelli qui a Sassuolo, molto diversi ma due bellissimi capitani da vivere. Si cerca di prendere dai riferimenti calcistici che la vita mi ha portato ad avere e poi in base al proprio carattere cercare di fare un mix per esprimere te stesso perché quando sei te stesso sei credibile, quando provi a scimmiottare non sei credibile".

Portieri fuori di testa?
"Io negli anni mi sono calmato, da giovane ero più stravagante. Mi ricordo un paio di scene agli esordi all'Atalanta, ancora prima, ero terzo portiere a 17 anni. Se vedessi adesso direi: ma chi è? Magari la risposta di troppo, la sana incoscienza di un ragazzo che veniva dalla periferia di Milano e non avevo paura a rispondere e a confrontarmi. Col senno del poi sbagliavo ma quella è stata anche la mia forza".