Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Il designatore Rocchi: "Mi auguro si introduca il tempo effettivo. Rigori? Saremo più rigidi"

Il designatore Rocchi: "Mi auguro si introduca il tempo effettivo. Rigori? Saremo più rigidi"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Image Sport
sabato 13 agosto 2022, 13:38Serie A
di Niccolò Pasta

La Serie A è pronta a cominciare e come ogni stagione gli occhi degli appassionati saranno puntati anche sulle squadre arbitrali e sul VAR, entrato nel suo sesto anno di vita in Serie A. Intervistato dal Messaggero, il designatore Gianluca Rocchi ha parlato delle sue aspettative della stagione: "Il VAR a chiamata? Noi ci adattiamo alle decisioni dell'Ifab, che in materia si e già espresso e per il momento non ha intenzione di aprire il VAR a chiamata. Per il tempo effettivo sono assolutamente favorevole, anzi mi auguro che venga introdotto quanto prima. Il tempo uguale per tutte le squadre avrebbe un significato di giustizia ed equilibrio. Inoltre ci toglierebbe un grande problema, perché eviteremo battaglie' per perdite di tempo".

Sulle interviste a caldo agli arbitri.
"Gli arbitri sono tutti pronti, perché abbiamo ragazzi attenti, preparati, che studiano e mediamente hanno una cultura superiore agli arbitri di un tempo. Pertanto più che sulla nostra preparazione, la domanda dovrebbe essere girata a chi pone le domande, per sapere se l'intenzione è quella di conoscere le decisioni o fare polemica. Io sono per la trasparenza totale. Ogni volta che spieghiamo, i risultati sono positivi".

Su cosa lavorare di più?
"Primo: comunicazione arbitro-VAR. Secondo: migliorare i comportamenti degli occupanti delle panchine. Terzo: una spinta ancora maggiore verso i giovani che sono il futuro, non solo dell'AIA ma del calcio italiano in generale. Su rigori cercheremo di essere più rigidi nel concederne ancora alcuni in meno, anche se siamo soddisfatti del lavoro fatto. Sui provvedimenti disciplinari non dipenderà da noi ma dal comportamenti di chi scenderà in campo".