Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

Le pagelle del Milan - Leao predica nel deserto. È l'unico a salvarsi, CDK e Tomori i peggiori

Le pagelle del Milan - Leao predica nel deserto. È l'unico a salvarsi, CDK e Tomori i peggioriTUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
mercoledì 5 ottobre 2022, 23:00Serie A
di Simone Bernabei
fonte dall'inviato a Stamford Bridge, Londra

Chelsea-Milan 3-0 (24' Fofana, 56' Aubameyang, 62' James)

Tatarusanu 5,5 - Dove può, ci arriva. Nel primo tempo soprattutto, quando sventa almeno tre minacce reali speditegli dai Blues. Sui gol non sembra particolarmente responsabile, ma si china comunque tre volte a raccogliere il pallone

Dest 5 - Confusionario e a tratti intimidito dall'ambiente, almeno così appare. Poche le giocate offensive, ma almeno in fase di contenimento non commette errori come altri suoi compagni

Kalulu 5,5 - Il meno responsabile del pacchetto arretrato. Compie alcune chiusure importanti, almeno nel primo tempo quando il Milan resta in partita anche per questo

Tomori 4,5 - Serataccia la sua, nel suo stadio, in quello che almeno avrebbe voluto fosse suo. Probabilmente soffre l'emozione, o chissà un po' di soggezione, fatto sta che la sua è una prestazione fortemente negativa. Non solo per l'errore sul gol di Aubameyang

Ballo-Touré 4,5 - Leao non rientra quasi mai e lui è sistematicamente messo in mezzo da Sterling e James. E proprio per questo soffre costantemente, come dimostra l'exploit dell'esterno destro di Potter nella ripresa

Tonali 5,5 - Ha il compito di fermare Sterling e per larga parte del match ci riesce, con le buone o con le cattive. Qualche sventagliata, l'intensità giusta per la gara che sta giocando, peccato che non venga assistito da chi gli ruota intorno e che alla fine non riesca proprio ad incidere

Bennacer 5,5 - Capitano di una serata decisamente storta per i suoi. Prova a mettersi sempre a disposizione, anche se pure lui infarcisce la sua prestazione di tanti, troppi errori di precisione. Dal 73' Pobega 6 - Si piazza davanti alla difesa, ha poche difficoltà perché in quel momento il Chelsea ha già mollato

Krunic 5 - Pioli lo schiera alto a destra, ma forse lui non lo sa. Non trova mai la posizione, tanta confusione e poco più. Non incide e non regala lampi di nessun tipo, anzi cestina l'unica occasione da gol dei suoi. Dal 65' Gabbia 6 - Col suo ingresso il Milan passa a tre dietro. Magari potrà diventare una risorsa in questo senso

De Ketelaere 4,5 - Chi si aspettava il guizzo, la serata da stella nella galassia blu di Londra, è rimasto deluso. Giochicchia, poca lucidità e ancora meno cattiveria in un match che dovrebbe essere vissuto con la bava alla bocca. Dal 64' Rebic 6 - Un'altra apparizione che magari lo potrà avvicinare alla migliore condizione

Leao 6 - L'unico pericoloso, l'unico che prova a fare qualcosa di diverso rispetto alla difesa passiva (e errata) dei compagni di squadra. Alcune accelerazioni fanno stropicciare gli occhi a Stamford Bridge. Dal 72' Brahim Diaz 6 - Tocca pochi palloni, ci prova senza troppe aspettative

Giroud 5 - Vero che viene servito pochissimo dai compagni, ma non fa neppure molto per calamitarli a sé. Serata piuttosto spenta, in quello che è stato uno stadio che gli ha portato parecchi successi in passato. Dal 73' Origi 6 - Minuti buoni per riassaggiare il campo dopo tante settimane di assenza

Stefano Pioli 5,5 - Con quasi una squadra di titolari assenti, può inventarsi davvero poco. Vero è che a Stamford Bridge il famigerato spirito di gruppo rossonero non viene mai fuori