Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Le pagelle della Juventus - Vlahovic torna a esultare, il piano di Allegri è il solito

Le pagelle della Juventus - Vlahovic torna a esultare, il piano di Allegri è il solitoTUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
domenica 26 novembre 2023, 22:45Serie A
di Ivan Cardia

JUVENTUS-INTER 1-1
(27' Vlahovic; 33' Lautaro)

Szczesny 6 - Più impegnato del collega avversario, ma solo in quantità e non in qualità. Freddato senza colpe da Lautaro, ottima reception per le altre telefonate dalle sue parti.

Gatti 5,5 - Una statua di sale sullo scatto di Lautaro che vale il pari. Si riscatta (quasi) con un secondo tempo senza mezza sbavatura.

Bremer 6 - A Thuram concede un solo cross, ma tanto basta. Tutto bene per il resto.

Rugani 6 - Molto aggressivo in avvio, pure troppo: l'1-1 nasce da una sua uscita a vuoto su Barella, che fa arrabbiare Allegri. È l'unica macchia nella sua serata.

Cambiaso 6 - Contiene e poco altro, concedendosi non più di un paio sortite offensive. I numeri di Dimarco, del resto, li conosciamo: oggi resta a zero.

McKennie 6,5 - La fotografia di questa Juve: un'estate con la valigia sul letto prima di un lungo viaggio, e poi giochi il derby d'Italia da titolare inamovibile. Qualche buono spunto, niente di memorabile.

Nicolussi Caviglia 5,5 - È lui l'allegrata di serata. Solo due minuti in stagione prima di oggi: si sentono tutti. Buona personalità, meno positive alcune scelte, soprattutto a inizio secondo tempo. (Dal 61' Locatelli 6 - Mette ordine e porta a casa il risultato, che evidentemente era il diktat di Allegri).

Rabiot 6,5 - Col freno a mano tirato quando potrebbe liberare i suoi cavalli, tiene testa al centrocampo interista: sulla carta il reparto avversario era superiore.

Kostic 6,5 - Elargisce parecchia applicazione difensiva e contiene il pericolo Dumfries. Più prezioso di quanto non sembri il giallo speso per fermare una ripartenza interista. (Dall'89' Alex Sandro s.v.).

Vlahovic 7 - La cattiveria con cui va a prendersi il pallone che poi depositerà in rete è quella che gli chiede Allegri. Il quale, però, dovrebbe trovare il modo di omaggiarlo con qualche pallone giocabile in più: butta dentro l'unico che gli arriva. E, appunto, se l'è dovuto costruire lui. (Dall'80' Kean s.v).

Chiesa 6,5 - Spalletti lo restituisce tirato a lucido: a tennis non sappiamo, ma a calcio sa giocare benissimo. Da punta, ha meno praterie in cui galoppare: quando libera i cavalli la Juve passa, poi si spegne e si accende per tutta la sera. (Dall'80' Milik s.v.).

Massimiliano Allegri 6,5 - In avvio di serata imbriglia Inzaghi, con una Juve più aggressiva del previsto. Il piano gara si rivela il solito: difesa e (poco) contropiede. Il risultato, tutto sommato, gli dà ragione: la sua Juve da ora può lavorare sulla settimana tipo e questo può fare la differenza. Vlahovic e Chiesa con mezza occasione in ottanta minuti, però, sono uno spreco.

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile