Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
live

Juventus, Allegri: "Primo mese fatto male. Esclusione di Bonucci? Era stanco"

LIVE TMW - Juventus, Allegri: "Primo mese fatto male. Esclusione di Bonucci? Era stanco"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
sabato 1 ottobre 2022, 14:20Serie A
di Simone Dinoi
fonte inviato all'Allianz Stadium
Diretta scritta su TUTTOmercatoWEB.com. Premi F5 per aggiornare!

13:45 - Massimiliano Allegri presenta Juventus-Bologna, gara valida per l’ottava giornata del campionato di Serie A, in programma domani alle 20:45 all’Allianz Stadium di Torino. TUTTOmercatoWEB.com vi riporta la conferenza stampa dell’allenatore bianconero, prevista per le ore 14, in diretta.

14:02 - Allegri prende posto in sala stampa: comincia ora la conferenza del tecnico della Juventus.

Come ha visto i giocatori?
“Da domani dovrebbe iniziare una nuova stagione. Non scordiamoci che il primo mese è stato fatto male. I dati confermano quello che è stato: abbiamo giocato nove partite, ne abbiamo perse tre con quattro pareggi. Siamo partiti bene poi abbiamo mollato, fatto brutte prestazioni e sono arrivate sconfitte. Dobbiamo essere tutti consapevoli e responsabili del momento, ne abbiamo parlato. Domani troviamo un Bologna che non ha meritato la sconfitta con l’Empoli. I giocatori son tornati bene, l'Italia ha vinto due partite quindi Bonucci e Gatti sono tornati rinfrancati a livello mentale, Vlahovic e Kostic hanno fatto bene, gli altri anche. Abbiamo fatto due allenamenti buoni, domani dobbiamo tornare a vincere”.

L’esclusione di Bonucci a Monza?
“Aveva giocato solo tre partite, era stanco e ho preferito tenerlo fuori, era da programma. Nonostante sia il capitano ha 35 anni, vale anche per Danilo, Cuadrado. Deve esserci una gestione oculata di giocatori molto importanti, abbiamo una partita ogni tre giorni. Sono due settimane importanti, facciamo però un passo alla volta".

Ha riflettuto in questo periodo di sosta sugli errori e su quello che non è riuscito a fare?
"Abbiamo guardato un po' di tutto, abbiamo fatto tanti confronti tra di noi analizzando quelle che potevano essere le problematiche. Quando succedono questi momenti, dopo che fai una settimana brutta, dopo vai a cercare problemi ma noi dobbiamo cercare soluzioni. Fare in campo, lavorare e fare qualcosa in più. E avere una gestione diversa degli imprevisti come con la Salernitana, Roma in casa. L'eccessivo nervosismo avuto con la Salernitana ci è costato in quella settimana un dispendio di energie con partite importanti. Stiamo recuperando giocatori importanti: domani tornano Alex Sandro, Rabiot e Locatelli. Cuadrado rientra dopo la squalifica come Milik. Ora ai box abbiamo solo Di Maria che è squalificato e Pogba e Chiesa. Abbiamo sicuramente un numero di giocatori più ampio per poter cercare di gestire meglio le partite".

Come stanno Alex Sandro, Locatelli e Rabiot?
"Stanno bene, queste due settimane di sosta son servite per recuperarli sia mentalmente che fisicamente. Son tutti pronti per giocare, hanno lavorato bene".

Che sosta è stata per lei?
"Quando si perde si passano brutte soste ma succede lo stesso con una partita ravvicinata. Stiamo cercando di riportare la Juventus a vincere nel più breve tempo possibile con lavoro e passione. Normale che dopo tanti anni di vittorie non è una cosa accettata bene, dobbiamo metterci tutti in discussione. Ci sono avversari importanti che si sono rinforzati. Non c'è altra via. Ci sono momenti in cui le cose vanno bene e altri meno bene, però devi essere pronto a lavorare di più per cercare di riportare le cose sulla retta via. Abbiamo tutto il tempo per poter recuperare sia in campionato che in Champions, serve atteggiamento diverso, più cattivo, anche più di rispetto verso gli avversari. Fortunatamente il calcio ti dà subito la possibilità di rigiocare, dopo un trend di partite negative speriamo la sosta ci abbia fatto bene".

La coppia d'attaccanti base del futuro? Può essere la svolta?
"La svolta bisogna darla tutti. In questo momento senza Di Maria cerchiamo di sfruttare i due attaccanti. Poi quando rientrerà Di Maria varieremo delle cose. Abbiamo una partita ogni due giorni, è difficile avere un undici base anche per caratteristiche dei giocatori. Ma non è un problema, l'importante è avere l'atteggiamento giusto".

Al 13 novembre sarà contento con quali risultati raggiunti?
"Lo vedremo, ora è inutile parlarne. Ora dobbiamo solo stare zitti e fare risultati, abbiamo vinto solo due partite. Questo non è il primo momento così che passo e fortunatamente non sarà neanche l'ultimo. Questa è una grande sfida. L'importante è avere voglia, crearsi una sfida da poter vincere. Siamo consci del momento che abbiamo attraversato e responsabili. Da domani inizia un blocco di dodici partite che è una cosa che non abbiamo mai affrontato, dobbiamo essere bravi nella gestione dei giocatori".

I tempi di recupero di Chiesa e Pogba?
"Ora no. L'unica cosa che posso dire è che Chiesa la prossima settimana comincerà a toccare un po' di più la palla e potrà avvicinarsi un po' alla squadra. Ma da qua a giocare bisogna valutare. Pogba non ha ancora corso, bisogna vedere le evoluzioni, magari appena inizia a correre le cose vanno bene e in due-tre settimane è a disposizione. Per giocare deve passare ancora tanta acqua sotto ai ponti".

Una risposta a tutte le interviste degli ex giocatori? Sull'errore con la Salernitana minimizzato dai vertici arbitrali?
"Sugli arbitri non commento, non l'ho mai fatto. Rocchi è responsabile e ci penserà lui. Devo fare i complimenti perché domani arbitra una donna, se uno è bravo se è uomo o donna non conta niente. Sapranno loro dove mettere le mani e dove migliorare la situazione. AI ragazzi andati via posso solo fare un in bocca al lupo perché hanno dato tanto alla Juve e hanno anche ricevuto molto. Sono sempre abituato a confrontarmi con le persone quando ci parlo, quando c'è da riportare interviste c'è sempre una parola in più di solito. Hanno dato un buon apporto alla Juve e anche loro devono essere contenti di essere stati alla Juventus".

Il confronto con la squadra com'è andato?
"Le critiche le abbiamo lette, sono giuste. Abbiamo vinto solo due partite, è giusto che veniamo criticati. In questi momenti fare troppe riunioni, parlare... Bisogna vincere la prima partita di domani. Poi faremo un passo in avanti e poi un altro ancora. Parla il rettangolo verde, in questo momento non siamo in condizione di poter dire A".

Locatelli leader anche nel futuro come aveva detto tempo fa?
"L'anno scorso ha fatto un campionato straordinario, quest'anno non ha cominciato nel migliore dei modi e lo sa anche lui. La sosta gli è servita sia a livello fisico che mentale, l'ho visto rivitalizzato. Credo che sarà in futuro uno dei pilastri della Juventus per qualità morali e tecniche".

La preoccupa essere l'ottavo attacco del campionato?
"Ci sono due-tre dati che non mi sono piaciuti. In questo momento bisogna trovare le soluzioni, non il problema. L'unica soluzione è vincere col Bologna".

Sente il bisogno di replicare a qualche critica? Abbiamo letto Ferrara che ha risposto a Cassano...
"Di Ciro ho letto, è stato geniale. Purtroppo il mondo viaggia così, quello che si dice ora fra venti minuti non si dice più. Noi dobbiamo essere concentrati sul campo, poi dall'esterno si parla, si dice, si fa. Anzi di fare si fa poco".

14:20 - Termina ora la conferenza stampa di Massimiliano Allegri.