Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

Sassuolo, Dionisi: "Stiamo cambiando pelle. Laurienté è un giocatore forte"

Sassuolo, Dionisi: "Stiamo cambiando pelle. Laurienté è un giocatore forte"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
sabato 17 settembre 2022, 23:23Serie A
di Alessandro Paoli
fonte DAZN

Alessio Dionisi, allenatore del Sassuolo, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni ai microfoni di DAZN al termine dell'incontro Torino-Sassuolo 0-1 valevole per la 7ª giornata della Serie A TIM 2022/2023:

"Abbiamo cambiato un po' pelle - dichiara il tecnico neroverde - perché abbiamo cambiato diversi calciatori e sistema di gioco. Parlo quotidianamente con i ragazzi e mi dicono che si sentono più sicuri, più compatti. Stiamo cercando di trovare il giusto equilibrio tra offendere e difendere. Oggi, onestamente, il pari poteva starci ma, per tutto quello che abbiamo passato in questo periodo, ci siamo meritati questo risultato".

Su Álvarez: "Sono contento per Agustín perché è arrivato in Italia con grandissime aspettative verso se stesso. La Serie A, però, non è il campionato uruguaiano (Primera División Profesional de Uruguay, ndr). Lì faceva la seconda punta mentre qui deve fare movimenti da prima punta all'interno di una squadra che, lo ripeto, è in costruzione".

Sulla compattezza difensiva: "È un aspetto sul quale stavamo lavorando anche nella passata stagione. Se conosci Gian Marco (Ferrari, ndr) conosci i suoi pro e i suoi contro. È un ragazzo straordinario. Stiamo lavorando, come ho già detto, sul fatto di essere più compatti ma dobbiamo crescere dal punto di vista dell'atteggiamento di squadra... e chi deve aiutarti? I calciatori di maggior personalità, come Gian Marco. A livello difensivo, come squadra, siamo cresciuti".

Su Laurienté: "È un giocatore bravo, che predilige giocare a sinistra. Ha iniziato in modo timido. Nei primi allenamenti, ad esempio, non calciava mai in porta o se c'era un calcio d'angolo da battere non lo batteva. Oggi, che non abbiamo Berardi e Traoré, abbiamo bisogno di lui per queste specificità. Deve crescere nella prestazione, questa sarà anche una conseguenza della posizione in campo perché, oggi, partiva largo e veniva dentro il campo. Lui ha velocità nel lungo e può essersi utile nelle transizioni offensive".

Primo piano
TMW Radio Sport