Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw radio

M. Serena: "Chiellini è ancora il difensore più forte che abbiamo in Italia"

TMW RADIO - M. Serena: "Chiellini è ancora il difensore più forte che abbiamo in Italia"TUTTOmercatoWEB.com
lunedì 16 maggio 2022, 21:59Serie A
di Dimitri Conti

L'ex difensore Michele Serena, oggi allenatore, ha parlato durante Stadio Aperto, trasmissione di TMW Radio condotta da Niccolò Ceccarini e Dimitri Conti: "Penso che per la Fiorentina fosse più semplice sfidare una Sampdoria ancora non salva. Invece la tranquillità ha fatto fare una grande partita alla Sampdoria... Lo sport è così, a volte si dice che manca peperoncino, altre succede questo".

Quanti rimpianti dell'Inter se non sarà Scudetto?
"Tanti. L'ultimo a Bologna, di Radu, ma è stata una serie di errori, anche solo in quella singola partita. Sicuramente comunque una grossa fetta di torta dei meriti andrebbe a Stefano Pioli".

Che bilancio dopo la retrocessione del Venezia?
"C'è amarezza e delusione, come ogni volta in cui retrocedi dentro c'è tanta roba. Ma direi che non sia una retrocessione traumatica, sfido chiunque a non aver inserito ad inizio stagione il Venezia tra le retrocesse...".

Chi può salvarsi di più tra Salernitana e Cagliari?
"La Salernitana senza ombra di dubbio. Le retrocessioni di Genoa e Cagliari, sì, sarebbero traumatiche. Però nella Salernitana ho visto una trasformazione nel contributo di ogni singolo giocatore nella partita".

Chiellini smette.
"E perché? Ancora è il difensore più forte che abbiamo in Italia... Non è un caso che appartenga alla vecchia scuola, ultimamente l'ho visto ogni volta sempre presente a dirigere e comandare. Non riusciva però più a concludere le partite: credo sia venuta meno la tenuta fisica".