Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta

Udinese, Marino: "Dobbiamo onorare il campionato. Cioffi resta? Non è la domanda del giorno"

Udinese, Marino: "Dobbiamo onorare il campionato. Cioffi resta? Non è la domanda del giorno"TUTTOmercatoWEB.com
domenica 22 maggio 2022, 20:46Serie A
di Marco Pieracci

Pierpaolo Marino, direttore dell'area tecnica dell'Udinese, ha parlato a DAZN prima della sfida contro la Salernitana: “La seconda parte del campionato è stata molto positiva, ha rispecchiato meglio i valori della squadra. Siamo soddisfatti anche se naturalmente c’è il rammarico che se avessimo fatto meglio all’inizio saremmo stati in una zona di classifica più consona ai valori individuali e collettivi della squadra”.

Con Gotti c'è stato un cambio di marcia?
“Ci ha flagellati il Covid-19, veniamo da tre stagioni in cui si è sempre fatti i conti con l’emergenza, abbiamo avuto anche periodi in cui contavamo 12 o 13 malati contemporaneamente. Può anche darsi che con Luca Gotti la squadra avrebbe fatto gli stessi risultati. Quando ha avuto la formazione al completo, i giocatori hanno dimostrato i loro effettivi valori. Non voglio ridurre il tutto a un fatto di condizione tecnica”.

Cioffi resterà anche nella prossima stagione?
"La domanda del giorno non è se continueremo con Gabriele Cioffi. A noi oggi interessa onorare questo impegno davanti a un pubblico straordinario, che ieri sera ci ha accolto a Salerno in maniera civilissima. Dobbiamo onorare lo sport, il nostro campionato, cercare di fare bella figura e più punti possibile. Ma dobbiamo farlo per noi, non per il Cagliari o la Salernitana”.

Cosa risponde a chi lancia accuse sul vostro impegno?
“Ne sento tante da 45 anni a questa parte, ho vissuto finali di stagione infuocati e tante polemiche, ma quello che conta è il campo, e lì il calcio lascia sempre spazio ai risultati più chiari possibile”.