Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

È rivoluzione panchine in Serie B: la settimana si è aperta con i ribaltoni di Venezia e Cosenza

È rivoluzione panchine in Serie B: la settimana si è aperta con i ribaltoni di Venezia e Cosenza
martedì 1 novembre 2022, 10:19Serie B
di Claudia Marrone

Inizio di settimana movimentato in Serie B, con due panchine saltate nella giornata di ieri: Cosenza e Venezia, infatti, hanno esonerato - rispettivamente - Davide Dionigi e Ivan Javorcic. Lasciando grande attesa per conoscere i nomi dei sostituti.

Così La Gazzetta dello Sport: "Javorcic e Dionigi via. Il Venezia sceglie Soncin, il Cosenza chiama Zeman". Nel dettaglio: "Una giornata caotica piena di contatti e alla fine ha portato un po’ di chiarezza. Prima di tutto i comunicati ufficiali di Venezia e Cosenza e gli esoneri di Javorcic e Dionigi sono diventati finalmente ufficiali. Ma le due squadre sono rimaste per molte ore senza un allenatore cui affidarsi: tanti nomi circolati, ma le attese fumate bianche non sono arrivate. Poi in serata la prima svolta a Venezia, Cosenza invece deve ancora pazientare".

Più articolato il Corriere dello Sport, che dedica un paragrafo al Cosenza, "Via Dionigi. Cosenza fa lo strappo" (aggiungendo poi che "durante la giornata è esploso il toto-allenatore, con nomi gridati ed altri sussurrati per poi essere bruciati. Molti i rifiuti. Ecco allora i primi contatti con Zenga, Aglietti e Stellone del post Ferrara che hanno preso tempo come a dire “Grazie, ma la cosa al momento non ci interessa"), e uno al Venezia, "Venezia decide, forse Soncin bis", spiegando poi che appunto " nelle ultime ore ha preso corpo un Soncin-bis, con la seconda promozione nell’arco di sei mesi dell’allenatore che guida la Primavera del club che conta di comunicare a stretto giro il nome del nuovo allenatore in vista del match salvezza a Como".

Sulla stampa nazionale, chiude Tuttosport: "Cosenza e Venezia, si cambia". "Il campionato di Serie B continua a farsi notare per il suo schizofrenico cambio di panchine. Dopo undici giornate sono saltate anche l’ottava e la nona. Dopo Sudtirol, Spal, Palermo, Pisa, Benevento, Como e Perugia cambiano anche il Cosenza che ha deciso di esonerare Davide Dionigi, e il Venezia che ha dato l’addio a Ivan Javorcic", la chiosa.

Sulla stampa locale, così la Gazzetta del Sud - Cosenza: "Il Cosenza cambia, esonerato Dionigi". Che aggiunge: "Ore e ore di riflessione hanno portato alla decisione: Davide Dionigi non è più l’allenatore del Cosenza. [...] In queste frenetiche ore, sono circolati diversi nomi: Roberto Breda, Angelo Gregucci, Francesco Modesto. Piste che non trovano conferme, salvo ripensamenti, giacché come detto si è stati costretti a ripartire daccapo. La corsa, da cui prima di Di Biagio si sono depennati anche Aglietti e Stellone, va avanti".

"Il Venezia licenzia Javorcic" è invece l'apertura de Il Gazzettino-Venezia Mestre, che aggiunge: "Troppo talento per essere sul fondo della Serie B. Con questa ottimistica motivazione che fa a pugni con i non-risultati, il Venezia ha ufficializzato ieri sera, dopo le 20, l'ormai scontato esonero di Ivan Javorcic, senza tuttavia annunciare il nome del sostituto".
Chiude il Corriere del Veneto-Venezia e Mestre: "Venezia, addio a Javorcic". Sulla vicenda: "Dopo oltre 48 ore di attesa, il Venezia ha ufficializzato una decisione che era ormai scontata, ossia l’esonero di Ivan Javorcic. E con il tecnico croato sono stati sollevati dai rispettivi ruoli anche l’allenatore in seconda Alessandro Gamberini e il preparatore atletico Alberto Berselli. Sconfessato, dunque, un progetto triennale che aveva puntato forte sull’allenatore autore del «miracolo Südtirol», punito da un rendimento assolutamente deficitario e al di sotto delle attese in questa prima parte della stagione".

Primo piano
TMW Radio Sport