Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

Ds Pro Sesto: "Col Mantova gara particolare. Ho vissuto anni difficili ma intensi"

Ds Pro Sesto: "Col Mantova gara particolare. Ho vissuto anni difficili ma intensi"TUTTOmercatoWEB.com
giovedì 29 settembre 2022, 16:49Serie C
di Luca Bargellini

Sarà una gara particolare quella di domenica al 'Martelli' di Mantova per Christian Botturi, direttore sportivo della Pro Sesto: dal 2014 al 2016 ha infatti ricoperto il ruolo di responsabile del settore giovanile dei virgiliani. "Non nego che per me è una gara diversa - ammette il dirigente biancoceleste dalle colonne della Gazzetta di Mantova -, quando uscirono i calendari la prima cosa che andai a vedere fu la data della sfida al Martelli. Ho vissuto due anni emozionanti in mezzo alle difficoltà, tra cinque presidenti e allenatori emergenti come Juric e Javorcic. Ero responsabile del vivaio ma sotto sotto lavoravo anche per la prima squadra. Di lì passai all'Inter e poi al Brescia di Cellino dove sono rimasto fino a primavera: ma l'entusiasmo e la passione della gente, dimostrato anche nelle gare del settore giovanile, mi è rimasto dentro".

La Pro Sesto precede di un punto il Mantova in classifica: "Il calcio propone questi incroci e naturalmente verremo al Martelli per giocarcela a viso aperto e tentare di conquistare tre punti in ottica salvezza. Dopo l'esperienza al Brescia, mi sono incontrato con la dirigenza della Pro Sesto e mi sono tuffato con entusiasmo in questo progetto. Dopo due anni di sofferenze in campionato, l'idea è stata di costruire una squadra giovane ma con un occhio alla parte tecnica e un altro a quella economica. Perché fare il presidente in serie C significa comunque andare incontro a un bagno di sangue e in qualche modo occorre far quadrare i conti".