Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Marco Bellinazzo a Scanner: "Vi spiego il modello sportivo (e politico) saudita"

Marco Bellinazzo a Scanner: "Vi spiego il modello sportivo (e politico) saudita"TUTTO mercato WEB
mercoledì 10 gennaio 2024, 18:55Altre Notizie
di Tommaso Bonan
Scanner
TMW Radio
Scanner
SCANNER 12/1/2024 Con Giulio Dini e Tommaso Loreto
00:00
/
00:00

Marco Bellinazzo, celebre firma de Il Sole 24 ore, è intervenuto durante la trasmissione "Scanner", a cura di Giulio Dini, in merito all'imminente inizio della Supercoppa Italiana a Ryad e sul modello sportivo e politico portato avanti dal principe saudita Bil Salman: "I motivi di questo accordo vanno al di là del calcio e dello sport. Si farebbe male a catalogare tutto sotto al concetto dello sportwashing. L'Arabia non vuol fare solo quello: il piano è quello di arrivare almeno fino ai Mondiali del 2034. Intorno allo sport il principe Bin Salman vuole costruire una nuova società. E in questa nuova società certamente non ci saranno libertà e diritti comuni da noi, ma sicuramente altri tipi di libertà per i giovani sauditi. Dobbiamo capire che Bin Salman ha 40 anni, quando ha preso il potere era un ragazzo e non fa parte di quella generazione più ortodossa. In più la popolazione in Arabia Saudita è giovane, col 70% dei cittadini che è under-30 ed è in costante contatto, anche grazie al tenore di vita della maggior parte di loro, con i prodotti occidentali.

La politica di apertura presunta all'occidente di Bin Salman sicuramente porta grande consenso al principe. Bin Salman in più sta cercando di cimentarsi nel ruolo di mediazione tra le forze più estremiste e la nuova generazione. Credo che in Europa stiamo capendo poco del cambiamento epocale che sta accadendo in quella parte del mondo, un cambiamento che parte anche dal calcio e dallo sport. Questo cambiamento è partito e si ispira agli Emirati, a quello che è successo a Dubai. Il calcio sta dentro questi meccanismi complessi e non è facile capire cosa succederà.

L'impellenza di questo cambiamento ha fatto sì che in Arabia si sia fatto tutto velocemente e quindi il movimento calcistico è ancora carente in alcuni aspetti, come gli stadi e il management delle società. Ma anche questi fattori si possono comprare, come dimostra l'Al Nassr di Ronaldo che ha come massimo dirigente l'ex Roma Guido Fienga. In più stanno provando a prendere tanti altri dirigenti italiani. Immaginatevi che prima i club arabi erano proprietà privata dei nobili sauditi che facevano quello che volevano, erano una sorta di scuderia di cavalli. Trasformare questi jet privati in società di calcio è il prossimo passaggio".

CLICCA SUL PODCAST PER L'INTERVISTA COMPLETA!

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile