Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta

Juve Women, Braghin: "Rammarico per le sfide con Arsenal e Lione. Non ci accontentiamo"

Juve Women, Braghin: "Rammarico per le sfide con Arsenal e Lione. Non ci accontentiamo"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Paolo Baratto/Grigionline.com
venerdì 25 novembre 2022, 18:49Calcio femminile
di Tommaso Maschio

Il dirigente della Juventus Women Stefano Braghin ha parlato a JTV commentando il pareggio di ieri contro l'Arsenal e il cammino in Women's Champions League che vede le bianconere al secondo posto davanti anche al Lione: "Uscire col rammarico sia col Lione sia con l’Arsenal, partite che un tempo avremmo vissuto come gite scolastiche e che oggi invece ci vedono arrabbiati per non aver vinto. Non vuole dire che dobbiamo accontentarci, ma sicuramente siamo molto avanti. Sono molto contento perché c’erano sette o otto ragazze italiane in campo, così come nella Roma ieri, e questo vuol dire che le calciatrici italiane sono all’altezza delle più grandi in Europa. Sento spesso di mancanza di fisicità e tecnica, ma in queste partite non lo vedo. Ci vuole molta più consapevolezza dei nostri mezzi, le calciatrici italiane possono giocare alla pari in Europa, lo hanno detto la partita di ieri e di oggi. Togliamoci da questa mentalità negativa, come se ci mancasse sempre qualcosa. - continua Braghin come riporta Tuttojuve.com - Deve essere delle ragazze, dello staff e del club che ci fa lavorare come meglio non potrebbe. Ci sono delle cose da mettere a posto perché noi giochiamo al centodieci percento e invece deve diventare normalità. L’orgoglio spero sia anche dei tifosi, sarebbe bello se fossero orgogliosi sia quando facciamo bene sia quando non facciamo bene".