Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCagliariEmpoliFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdineseVenezia
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSports

Que vivan Atalanta e Napoli (e il campionato a quattro di quest'anno)

Que vivan Atalanta e Napoli (e il campionato a quattro di quest'anno)TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
sabato 4 dicembre 2021, 23:57Il corsivo
di Andrea Losapio

C'era una volta un mondo differente, dove la Juventus vinceva otto Scudetti consecutivi e si accingeva a vincere il nove in (quasi) carrozza. Dove Cristiano Ronaldo segnava e metteva a posto il mondo bianconero, dove Andrea Agnelli si permetteva di dire una cosa gravissima. "Ho grande rispetto per quello che sta facendo l’Atalanta, ma senza storia internazionale e con una grande prestazione sportiva ha avuto accesso diretto alla massima competizione europea per club. È giusto o no? Poi penso alla Roma, che ha contribuito negli ultimi anni a mantenere il ranking dell’Italia, ha avuto una brutta stagione ed è fuori, con quello che ne consegue a livello economico. Bisogna anche proteggere gli investimenti e i costi".

Era il 5 di marzo del 2020, la Superlega ardeva sotto la cenere, il Covid stava per imperversare a Bergamo e poi allargarsi a macchia d'olio in tutta Italia. Un anno e mezzo dopo tutto è cambiato. La Juventus è nel mirino della giustizia civile per le plusvalenze, probabilmente perché non sono riusciti a proteggere gli investimenti e i costi, che erano già fuori controllo prima della pandemia. La Juventus era padrona del pallone e voleva portarselo via, lo sport però trova quasi sempre una strada per cambiare le carte in tavola. Non si può vincere per sempre anche se il Bayern Monaco forse non la pensa così, anche con costi e investimenti puoi essere ragionevolmente sicuro di vincere, ma non certo al 100%.

Quanto è bello il campionato di quest'anno? Milan, Inter, Napoli e Atalanta, quattro squadre per lo Scudetto. Finalmente qualcosa di avvincente, con squadre che divertono. Perché se è vero che la Juventus ha passato il turno agilmente, l'Inter è già agli ottavi di Champions, il Milan può sperarci con una combinazione astrusa, all'Atalanta basterebbe una vittoria. La Lazio può arrivare ancora prima, il Napoli deve vincere con il Leicester, la Roma non ha problemi in Conference. La verità è che avere un campionato equilibrato aiuta tutti a giocare meglio, ad avere la carica giusta anche fuori.

Per questo que vivan Atalanta e Napoli, due squadre che questa sera, pur con motivi e momenti differenti, sono riusciti a far divertire tutti quanti. Ma lunga vita anche a Milan e Inter. E speriamo in un ritorno delle romane, della Juventus e della Fiorentina. Perché un calcio bello porta a interesse, divertimento, spettatori. Questo è un bel modo per proteggere gli investimenti.

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2022 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000