Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Empoli-Fiorentina 1-1, le pagelle: Zurkowski e Maleh con lo spirito degli ex, Belotti nella morsa

Empoli-Fiorentina 1-1, le pagelle: Zurkowski e Maleh con lo spirito degli ex, Belotti nella morsaTUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca 2024 @fdlcom
lunedì 19 febbraio 2024, 06:06Serie A
di Dimitri Conti

Risultato finale: Empoli - Fiorentina 1-1

EMPOLI

Caprile 6 - Destato poco oltre la metà del primo tempo da Faraoni, sul diagonale di Beltran non sembra poter fare di più. Per lui poi il lavoro si riduce e deve limitarsi giusto a qualche uscita. Brivido finale.

Ismajli 6 - Sottil e Biraghi vanno maggiormente a cercare Gyasi rispetto a lui, l’ex Spezia ha quindi modo di gestire senza troppi problemi la fase difensiva dal suo lato, scegliendo quando uscire e quando raddoppiare.

Walukiewicz 6,5 - Primo marcatore del Gallo Belotti (e poi di Beltran quando sarà ricollocato da centravanti), viene aiutato nel suo lavoro dalla scarsa densità centrale dei viola. Salva sulla linea nel finale.

Luperto 6 - Forse tagliato fuori dal guizzo di Beltran, ma va dato più che altro merito all’argentino per il movimento con i giusti tempi. Fascia al braccio sente l’impegno e a volte appare un po’ su di giri.

Gyasi 5,5 - Ammonito al minuto uno, rischia di fare una brutta fine se viene messo nel mezzo da Biraghi e Sottil. Scavallato il primo tempo, e annusato il pericolo, Nicola decide di farne a meno.
Dal 46’ Niang 6,5 - Ha scelto Empoli per tornare in Italia da protagonista e per come ha iniziato la sua avventura in Toscana sembra averne ben donde. Secondo rigore di fila trasformato in due presenze.

Grassi 6 - Meno di mezz’ora in campo per lui prima di dover alzare bandiera bianca per un problema fisico. Fino a quel momento aveva mostrato una discreta intraprendenza in mediana per entrambe le fasi.
Dal 31’ Marin 6 - Non comincia benissimo, forse non si era scaldato a dovere (anche se nella momentanea inferiorità numerica arriva il gol del vantaggio ospite) la sua prestazione cresce nella ripresa.

Maleh 6,5 - Uno dei due ex viola della partita, anche da parte sua c’è desiderio di dimostrare come alla Fiorentina abbiano valutato troppo frettolosamente. Grande spirito, corre per tre ed esce tra gli applausi.
Dall’80’ Fazzini sv.

Cacace 6 - Bada soprattutto a non lasciare scoperta la corsia perché da quelle parti opera Nico Gonzalez. All’inizio l’argentino lo spaventa ma sulla lunga distanza riesce a tenere bene le distanze e lo contiene.
Dall’86’ Pezzella sv.

Zurkowski 6,5 - Ha voglia di generare qualche rimpianto alla squadra che l’ha portato in Italia per poi non puntarci e si vede. Un po’ confusionario ma volitivo e applicato: è lui a mandare Cancellieri verso il rigore.

Cambiaghi 7 - Le sue accelerazioni brucianti sono l’unica vera risorsa offensiva dell’Empoli per tutto il primo tempo. E così è anche nella ripresa: prima manda in porta Cancellieri, poi continua ad essere imprendibile.

Cerri 5,5 - Terminale offensivo unico del primo tempo, ha qualche pallone a sua disposizione per far ripartire la squadra ma non lo gestisce nel migliore dei modi. Dopo l’intervallo non rientra in campo.
Dal 46’ Cancellieri 6,5 - Troppo timido nel calciare il primo pallone che gli viene recapitato, si rifà conquistando in fuga a campo aperto il rigore dell’1-1. Manca ancora concretezza, ma che sprint!

Davide Nicola 6,5 - Il suo impatto sull’Empoli è stato a dir poco clamoroso: anche per questo sorprende non vedere una squadra agguerrita nell’andare ad attaccare una Fiorentina partita abbastanza timorosa. All’intervallo, sotto di un gol, rivoluziona con il 4-3-3 e trova subito la ricompensa con il rigore dell’1-1, procurato e segnato da due subentrati. Non sbaglia neanche stavolta e mette un altro punto in saccoccia.

FIORENTINA

Terracciano 6 - Si limita a fare da spettatore per tutto il primo tempo, in cui l’Empoli non arriva mai a impegnarlo. Alla prima occasione, il rigore di Niang, deve arrendersi. Quindi è ancora tanto riposo.

Faraoni 5 - Fa suonare lui la sveglia poco prima del vantaggio di Beltran, destando la Fiorentina dal torpore iniziale. È poi però lui a fare fallo su Cancellieri in area e a riportare così l’Empoli sulla parità.
Dal 62’ Kayode 6 - Da quando entra lui la pressione offensiva dell’Empoli diminuisce e gli crea ben pochi grattacapi. D’altronde però gli avversari gli impediscono di andare a spingere troppo.

Martinez Quarta 6,5 - Meno avventuriero del solito nel buttarsi in avanti ma più chirurgico nelle discese, spizza anche il palo esterno di testa nel primo tempo. Uno dei migliori in campo per la Fiorentina.

Milenkovic 6 - Per tutta la prima frazione di gioco si (pre)occupa di mettere la museruola a Cerri, aiutato anche dalla scarsa vena del centravanti empolese. In generale, prestazione senza svarioni.

Biraghi 5,5 - Serve un pallone con i giri giusti sulla testa di Martinez Quarta, fermato dalla parte esterna del palo. Quando entra Cancellieri, però, per lui iniziano i problemi di contenimento e va in apnea.
Dal 75’ Parisi sv.

Duncan 6 - Ritrova un posto nell’undici di partenza, opera sul centro-destra e quindi sul lato del piede debole. Questo lo limita quando c’è da portare avanti la manovra, ma fa buon lavoro di schermatura.
Dal 62’ Arthur 5,5 - Non sta bene, l’ennesima conferma arriva dal suo subentro al Castellani. Fisicamente è in uno stato molto negativo, non porta un vero cambio di passo alla manovra della Fiorentina.

Mandragora 6,5 - Confermato per la terza volta di fila come titolare, si è ripreso il posto a centrocampo. Si fa apprezzare per il tocco smarcante verso Beltran nell’azione che porta al vantaggio dei suoi.

Gonzalez 5 - Novanta minuti più recupero in campo per il numero 10 argentino, che però non riesce a lasciare la sua impronta nella partita. Tra i meno appariscenti, da chi invece nelle idee di molti dovrebbe esserlo.

Beltran 7 - Italiano sta provando a reinventarlo trequartista e potrebbe essere l’idea giusta: si muove bene, ma soprattutto sblocca il match con una pregevole girata. L'unico a dare davvero l'idea di crederci.

Sottil 5 - Sembra aver messo alle spalle i problemi fisici che l’hanno limitato ormai da fine 2023, per questo rieccolo dal primo minuto. Fino a che non esce si fatica a ricordarsi della sua presenza in campo.
Dal 72’ Ikone 5,5 - Una ventina di minuti più recupero per tentare di dare un po’ di brio e di imprevedibilità allo sviluppo sulle fasce. Le intenzioni di Italiano, però, rimangono solo sulla carta.

Belotti 5 - Stretto nella morsa dei centrali empolesi già dalle prime battute del match, avrebbe bisogno che qualcuno gli aprisse degli spazi. Non succede mai, lui non se li crea, quindi esce in anticipo.
Dal 72’ Bonaventura 5,5 - Non ha molto tempo per rovesciare le sorti di una partita incanalata sul sentiero sbagliato per i suoi. Avrebbe il pallone buono per il gol dell’1-2 finale, Walukiewicz gli ferma il tiro prima che entri. Poteva calciare meglio.

Vincenzo Italiano 5,5 - Come al solito non rinuncia alle sorprese nella scelta degli undici di partenza, la Fiorentina approccia sotto ritmo ma conclude comunque avanti di un gol il primo tempo. Una volta in vantaggio, però, si espone troppo ai contropiedi empolesi e da uno di questi arriva il rigore (forse un po’ generoso) che porta a subire l’1-1. Aspetto da non trascurare, nel complesso non è stata una bella Fiorentina.

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile